Torna il “Teatro in Mostra”. Due spettacoli a Cernobbio (Il Divorzio) e Colico (Don Chisciotte)

149

Sabato 6 luglio ore 21 – Cernobbio – Località Piazza S. Stefano

IL DIVORZIO
COMMEDIA BRILLANTE

Libero adattamento teatrale da Divorzio all’italiana di Pietro Germi

Oltre che spassoso e divertentissimo IL DIVORZIO vuole anche essere un omaggio teatrale al cinema italiano e alla commedia tra le commedie: Divorzio all’italiana di Pietro Germi.

Un capolavoro di comicità conosciuto in tutto il mondo e grazie al quale l’Italia vinse il Festival di Cannes nel 1962 come miglior commedia e ottenne l’Oscar per la miglior sceneggiatura originale.

Film che diede origine alla commedia all’italiana oltre che un ironico e godibilissimo ritratto della mentalità e delle pulsioni di una certa Sicilia di provincia dell’inizio degli anni ’60 che prende di mira, con graffiate ironia e con un sarcasmo a volte feroce, due situazioni di arretratezza legislativa di un’Italia in pieno boom economico: la mancanza di una legge sul divorzio, che arriverà solo nel 1970, e soprattutto l’anacronistico articolo 587 del codice penale che regolava il delitto d’onore, che verrà abolito soltanto venti anni dopo.

LA TRAMA

Sicilia, inizio degli anni ’60. Nell’immaginario paese di Agramonte vive il barone Ferdinando Cefalù, detto Fefè. L’uomo è coniugato con l’assillante Rosalia, donna bruttina che lo ama appassionatamente ma per la quale ha perso ogni attrazione. Fefè è infatti innamorato della bella e giovane cugina Angela e non potendo ricorrere al divorzio, non ammesso dalla legge italiana, decide di ricorrere al cosiddetto “Delitto d’onore”, ma per farlo dovrà prima trovare un amante alla moglie così da poterli sorprendere insieme, ucciderli e scontata una lieve pena per motivo d’onore sposare finalmente l’amata Angela. Ma, tra calde notti estive al chiaro di luna e mandolini che suonano, il piano non andrà come Fefè spera e le cose si complicheranno…

Domenica 7 Luglio ore 21 – Colico – Forte Fuentes

DON CHISCIOTTE
Cavaliere del Barocco

Una rilettura emozionante, commovente, allegra ed anche un po’ rock di un classico intramontabile della narrativa; il Don Chisciotte legato da un insospettabile filo rosso all’opera di Rubens. La scoperta che questi due campioni dell’arte del Siglo de Oro fossero uniti da un’identica visione dell’arte, della vita, delle donne e dell’amore ci ha spinto a voler “vedere” il Don Chisciotte tramite gli occhi e i quadri di Rubens, attraverso un percorso interculturale che parte dalla letteratura per arrivare alla storia dell’arte.