XXCO_296: Una scuola di paese

 Veduta recente verso l’ingresso alla Scuola primaria
Uso la scheda di oggi come esempio per un cospicuo gruppo di realizzazioni pubbliche della seconda metà del Novecento. Probabilmente al posto dell'edificio scelto potrebbero starcene altri, con gli stessi meriti; questo però, oltre a collocarsi in una località fino ad ora non toccata dalla peregrinazione architettonica (e ormai dovrebbe essere chiaro che uno degli obiettivi di questa ricerca è proporre mete non ovvie), mi è sembrato frutto di misura ed eleganza, interprete di una stagione dell'architettura lombarda troppo spesso sottovalutata.

Fabio Cani

 

Scuola primaria "Francesco Casnati", Scuola dell'infanzia

Gian Luigi Reggio, architetto

1966-1968, 2003

Brenna, via Grimello

stato: visibile - parz. visitabile - ben conservata

Realizzata nel 1966-1968 in sostituzione di un più antiquato edificio scolastico, la scuola elementare di Brenna si compone all'origine di un basso corpo rettangolare, caratterizzato dalle ampie vetrate e dal paramento in mattoni faccia a vista. La piccola scuola propone così un modello architettonico aggiornato ma molto moderato, con l'intento di inserirsi nel tessuto del paese, composto di case basse e isolate.
Nel corso degli anni, l'edificio ha svolto la funzione di polo culturale, attorno a cui è cresciuto un complesso di strutture che attualmente comprende la Scuola dell'infanzia (frutto di un ampliamento del 2003, che ha in parte ripreso i caratteri del primo intervento), la biblioteca civica e la palestra comunale. L'ampio spazio a verde circostante è utilizzabile per attività comuni.

Veduta generale con l’innesto dell’ampliamento nel corpo originarioL’ingresso alla Scuola dell’infanzia.

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui

 

Articoli correlati:

XXCO_295: Una villa di lusso