XXCO_295: Una villa di lusso

Veduta recente dal lago
L'edificio di oggi è forse l'esempio più evidente nel territorio lariano di come si possa cambiare tutto lasciando apparentemente tutto com'era.
L'oggetto della scheda è ovviamente la situazione originaria: una villa di inizio secolo, apparentemente ben conservata e anzi recentemente tirata a lucido. Ma al di là dell'aspetto esteriore tutto è modificato: non solo gli spazi interni, ma anche e soprattutto il parco, originariamente pensato come estensione "naturale" della villa "artificiale", una imponente realizzazione di cui, eccezionalmente, si conserva persino il nome del progettista.
In un certo senso, la scheda di oggi è anche una postilla alla riflessione, già ripetutamente esplicitata, sul rapporto tra immagine e realtà architettonica.

Fabio Cani

 

Villa Roccabruna ora CastaDiva Resort

Carlo Formenti, ingegnere, Giuseppe Roda, architetto

1906-1910

Blevio, via Caronti 69

stato: visibile - trasformata

La villa, che sostituisce una precedente costruzione, residenza estiva della celebre cantante Giuditta Pasta, viene realizzata per la famiglia torinese Wild su progetto dell'ingegnere milanese Formenti, vagamente ispirato al Quattrocento italiano. Rispetto ad altre analoghe ville, si distingue per un rapporto strettissimo con le acque del lago, su cui quasi incombe al di sopra di una muraglia di contenimento, scenograficamente modulata da archi e voltini sospesi. La stessa preoccupazione scenografica ispira la sistemazione del parco, progettata dall'architetto Roda di Torino.
All'interno la villa è sontuosamente allestita con il concorso di numerosi artigiani e artisti, tra cui il pittore Achille Beltrame che realizza quattro scene idilliache per il salone.
All'inizio del terzo millennio tutto il complesso è stato radicalmente ristrutturato per il resort CastaDiva, inaugurato nel 2010.

Veduta d’epoca dal lagoParticolare di un ambiente interno in una immagine d’epoca

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui

 

Articoli correlati:

XXCO_294: Una sede industriale