XXCO_256: La strada delle scuole

 Veduta recente da via Uberto da Canturio

Accanto alla scuola della scheda di ieri, sorgono negli anni immediatamente successivi, e comunque entro la fine degli anni Cinquanta, altri edifici scolastici e educativi, delineando un progetto funzionale di zona con una forte caratterizzazione didattica, dalla prima infanzia fino alla formazione professionale. Oggi lo si definirebbe campus, allora, più modestamente, si parlò di strada delle scuole.
Per sottolineare l'importanza di quest'area canturina, dedico agli edifici della strada una seconda scheda, con una scuola assai nota per l'offerta formativa, ma non troppo per gli aspetti architettonici...

Fabio Cani

 

Istituto Statale d'Arte ora Liceo Artistico "Fausto Melotti"

Enrico Meroni, Giulio Moscatelli, Gigi Radice, Alberto Sala, architetti

1954-1959

Cantù, via Andina 8

stato: visibile - parz. visitabile - ampliato

L'incarico per la progettazione della nuova sede dell'Istituto d'Arte viene affidato dal Consiglio Comunale di Cantù, alla fine del 1954, collettivamente al gruppo di architetti al tempo operanti nella città.
La proposta formulata rispecchia una moderata adesione ai dettami del Movimento Moderno e un'attenta considerazione per le esigenze funzionali della scuola. L'edificio è distinto in due zone: un corpo parallelo a via Andina con le aule normali e una serie di corpi disposti ortogonalmente con i laboratori e le aule speciali; la realizzazione procedette per fasi successive (e l'edificio è stato ulteriormente ampliato negli anni seguenti l'inaugurazione).
La tessitura complessiva delle pareti è basata su serie regolari di finestre, mentre è andata persa, nel tempo, una diversificazione di finiture che originariamente distingueva i corpi.

 Veduta d’epoca dei corpi della scuola Il plastico del progetto presentato nel 1954

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui

 

Articoli correlati:

XXCO_255: Una scuola scultorea