XXCO_206: Una cappella sull'alpe

Veduta recente della facciata dal sentiero di accesso

Salire nel pomeriggio di un giorno festivo all'Alpe del Vicerè, o Alpe Bova che dir si voglia, è una specie di tuffo nel passato; sembra di essere tornati a quegli anni in cui fare le vacanze significava semplicemente allontanarsi dalle città (e dalle fabbriche) e fare una gita "fuori porta" si limitava a quello, né più, né meno: mettersi alle spalle la porta di casa e della città.
Nonostante i voli low cost e i social media, l'Alpe del Vicerè sembra rimasta la stessa, con "le macchine" parcheggiate di traverso appena fuori della striscia d'asfalto, con le famigliole riunite attorno al tavolino di un bar e a qualche coppa di gelato. Sembra soltanto, è ovvio, perché gli smartphones non restano certo ai piedi della salita e le auto sono ben diverse da quelle di un tempo.
Ma insomma... non posso negare di essere rimasto colpito.
A poche decine di metri dalla ressa dei gitanti, un sentiero quasi dismesso porta a una cappella, erede di quei fasti turistici solo apparentemente perpetuati, una cappella che ha più o meno mezzo secolo e che quella folla ignora a cuor leggero.
Consiglio caldamente l'escursione (i boschi, peraltro, sono freschissimi): è l'occasione per verificare facilmente un pezzo di storia sociale recente, e insieme un pezzo di storia dell'architettura.

Fabio Cani

 

Chiesa di Santa Rita da Cascia

Enrico Freyrie, architetto, Giuseppe Majnoni d'Intignano, ingegnere

1966-1967

Albavilla, località Alpe Bova

stato: visibile - visitabile - ben conservata

 

Edificata come cappella votiva in località alpestre, ai margini della frequentata zona turistica dell'Alpe Bova (o Alpe del Vicerè), posta sul ciglio del declivio, la chiesa è frutto di un progetto aggiornato, senza richiami revivalistici all'architettura tradizionale e nient'affatto nostalgico.

La pianta trapezoidale ha l'ingresso, protetto da un portico, sulla base più lunga, mentre all'estremità opposta una guglia dà luce al presbiterio e all'abside. Le forme appaiono ispirate complessivamente all'architettura organica, con molti elementi disegnati secondo curve avvolgenti, anche se all'esterno qualche dettaglio risente dell'influenza del cosiddetto neoliberty.

All'interno, risulta caratteristico l'arredo originale, con i banchi in sgargianti colori rosso e verde, di evidente ispirazione pop.

Nel 1968, l'edificio è stato donato dalla finanziatrice agli Amici dell'Alpe di Valle Bova.


Veduta recente dell’interno

Veduta complessiva della chiesa, ripresa poco dopo la realizzazione

 

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui

 

Articoli correlati:

XXCO_205: Un asilo civico