XXCO_188: Una casa a bassa densità

Veduta recente da viale Rosselli
Un po' più vecchia di qualche anno, un po' più grande di qualche metro cubo, un po' più moderata e meno squadrata, la casa di oggi può comunque stare in serie con quella di ieri, con l'intento di documentare, come più volto ho sottolineato, la varietà di proposte relative all'abitare, anche all'interno dello stesso periodo.
In questo caso, la proposta si è rapidamente trovata "fuori linea". Un caso?

Fabio Cani

 

Edificio per residenze

Gabriele Giussani, ingegnere

1932-1933

Como, viale Fratelli Rosselli 13

stato: visibile - ben conservato

L'edificio, ubicato all'epoca della sua costruzione in una zona di espansione urbana a bassa densità, si trova oggi stretto tra costruzioni intensive.
Il volume è suddiviso in due piani, di cui il piano rialzato adibito ad abitazione padronale e il primo con due appartamenti più piccoli da affittare, ed è articolato con aggetti e rientranze e vivacizzato dal gioco delle aperture di differenti dimensioni e tipologie. All'interno la disposizione degli ambienti è sviluppata a fianco di un corridoio laterale; l'ampia scala è a pianta circolare. La struttura è in cemento armato con riempimento in mattoni; la finitura in intonaco civile di colore chiaro.
Venne accolto all'epoca della sua realizzazione come un buon esempio di architettura "pratica", aperto alle sollecitazioni funzionaliste, ma senza eccessi.

Veduta d’epoca della fronteVeduta d’epoca della scala Planimetria del piano rialzato

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui

 

Articoli correlati:



XXCO_187: Una casa modulare