XXCO_139: Un oratorio incastrato nella storia

Veduta recente dell’edificio

Il confronto tra l'edificio che propongo oggi e quello proposto ieri, entrambi destinati a opere parrocchiali, rende evidente il percorso notevole compiuto dall'architettura comasca in meno di dieci anni. Dovrebbe chiarire anche che la storia più recente del territorio è assai lontana dalla semplicistica interpretazione che punta tutto sulla "gestione" (o sul "rifiuto", si intende) dell'eredità del Razionalismo locale, ammesso che questa definizione abbia un significato storico.
Accenno a questi temi, per sottolineare come dall'allargamento del campo d'indagine, anche dalla banale moltiplicazione degli esempi considerati (e – sinceramente – spero che questo costituisca uno dei contributi del lavoro di XXCO), possa derivare una più accurata valutazione dei percorsi, non tutti lineari, non tutti prevedibili, del progetto architettonico nell'orizzonte culturale comasco.

Fabio Cani

 

Opere parrocchiali San Giovanni Battista di Solzago

Mario Di Salvo, architetto

1967

Tavernerio, Solzago, via della Liberazione 17

stato: visibili - parz. visitabili - trasformate

L'edificio delle opere parrocchiali di Solzago costituisce un caso pressoché unico nell'architettura degli anni Sessanta nel territorio comasco; non solo per l'adesione senza preconcetti al linguaggio contemporaneo (che supera, senza negarla, l'eredità razionalista), ma anche per l'audace inserimento nel contesto preesistente, con un vero e proprio incastro nella struttura della chiesa, esteso fino al limite della parete laterale.
Di particolare interesse è l'articolazione dei piani e dei volumi, con una attenta distinzione delle finiture e soprattutto con un raffinato gioco ritmico delle aperture, in cui è possibile leggere l'eco della riflessione sulle contemporanee opere di Le Corbusier e degli altri maestri moderni.
Purtroppo, l'edificio è stato sgraziatamente sopraelevato in anni recenti, senza alcuna considerazione per i suoi valori formali.

Disegno di studio (Archivio Mario Di Salvo)Veduta della fronte occidentale subito dopo la realizzazione (Archivio Mario Di Salvo)

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui

Articoli correlati:

XXCO_138: Un oratorio per la cultura della città