XXCO_094: Un club nautico sulla riva

 Sede Amila a Bolvedro di Tremezzina

Se gli edifici presentati nei giorni scorsi possono essere considerati come tappe nel lungo percorso di avvicinamento al movimento moderno, l'approdo è già stato mostrato con il Novocomum che, anche nel rapporto con la sua metà antitetica (scheda 032, scheda 033), è sicuramente l'esempio più significativo del primo razionalismo comasco. Ma c'è un altro edificio lariano che ha lungamente conteso al Novocomum il privilegio di essere "il primo".
Lo presento oggi, svelando da subito che la datazione precoce di questo edificio è certamente errata. Ciononostante il club nautico ha l'indubbio merito di aver portato l'avanguardia architettonica anche nel cuore del lago. E non è poco.

Fabio Cani

 

Sede Amila

Pietro Lingeri, architetto

1930-1931, 1947

Tremezzina, località Bolvedro, via statale Regina 19

Stato: visibile - ben conservata

 

Inaugurata nell'ottobre 1931, la sede dell'Associazione Motonautica Italiana Lario viene progettata e realizzata, con notevole rapidità, nei mesi immediatamente precedenti.

L'articolazione dell'edificio dipende dalla conformazione del lotto disponibile (in forte pendenza, stretto e lungo a fianco del torrente), così che al piano a livello della strada sono collocati i locali di soggiorno e rappresentanza, e a quello inferiore, al livello dell'acqua, i locali di attività sportiva e assistenza tecnica.

L'allusione alle forme navali è sottolineata dal corpo scala che conduce alla terrazza e dalla colorazione originale in bianco, azzurro (per gli spessori e gli aggetti), blu scuro (per gli elementi metallici) e arancione (per i serramenti e gli avvolgibili).

Alla fine degli anni Quaranta, lo stesso progettista trasforma l'edificio in residenza.

 

Veduta d'epoca dalla strada statale  Veduta d'epoca dal lago

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui

Articoli correlati

XXCO_093: Un palazzo quasi metafisico a Como