XXCO_093: Un palazzo quasi metafisico

 Edificio per residenze, uffici e negozi Onnis

Ancora in bilico fra tradizione e modernità, ma ormai quasi tutto sul nuovo versante, l'edificio di oggi può essere considerato uno degli snodi fondamentali del percorso architettonico moderno a Como. Il suo progettista è già, all'epoca della realizzazione di questo palazzo, uno dei protagonisti del Razionalismo lariano.

Fabio Cani

 

Edificio per residenze, uffici e negozi Onnis

Adolfo Dell’Acqua, ingegnere

1929-1932

Como, via Garibaldi 20, via Grassi 16

Stato: visibile - ben conservato

 

Ristrutturazione di un caseggiato ottocentesco, del quale viene sostanzialmente conservata la volumetria, l’edificio di via Garibaldi è uno dei più interessanti esempi di stile déco a Como, frutto di un’attenta calibrazione dei dettagli decorativi sullo sfondo neutro e chiaro delle pareti. L’ordinamento architettonico, per quanto ispirato agli stili storici, è ormai a tal punto distillato che appare astratto: i tre “portali” (di cui in realtà uno solo dà accesso al cortile e alle scale) sono inquadrati da lesene e sormontati da balconi con porte-finestre incorniciate da timpani spezzati, così semplificati da richiamare i dipinti metafisici. Tale ordinamento è realizzato insieme alle fasce orizzontali e ai fregi in sarizzo scuro lucidato della Val Masino, mentre i riquadri intorno alle vetrine dei negozi e le controspalle delle finestre al primo piano sono in granito arabescato pure della Val Masino (all’origine la differenza di tonalità tra i due tipi di pietra era maggiormente pronunciata).

Nel cortile i richiami storicistici sono più evidenti e le vecchie colonne tuscane sono affiancate da archi ribassati e fasce a bugnato rustico tinteggiate bicolori.

Nel negozio sull’angolo delle due vie è ubicata l’antica Farmacia Popolare che conserva un elaborato arredamento ligneo in stile art nouveau realizzato dalla ditta comasca Galfetti.

In anni recenti il sottotetto è stato reso abitabile con l’inserimento di una serie di abbaini. Il resto dell’edificio appare in buono stato di conservazione.

 

Veduta del caseggiato ottocentesco prima della ristrutturazione

Veduta d’epoca dell’edificio, in uno scatto del fotografo Mazzoletti  Veduta d’epoca del portale che dà accesso al cortile e alle scale

Scorcio dell’androne e del cortile

Scarica la scheda in formato PDF: clicca qui

Articoli correlati:

092: Un palazzo per uffici in stile

 

 

Ancora in bilico fra tradizione e modernità, ma ormai quasi tutto sul nuovo versante, l’edificio di oggi può essere considerato uno degli snodi fondamentali del percorso architettonico moderno a Como. Il suo progettista è già, all’epoca della realizzazione di questo palazzo, uno dei protagonisti del Razionalismo lariano.

Fabio Cani