XXCO_068: un piccolo stabilimento in cemento e metallo

 

XXCO: l'architettura del territorio comasco durante il XX secolo

Tra le molte fabbriche che fecero grande e ricco il territorio comasco nel periodo della ricostruzione e del boom economico, qualcuno si distingue per misura e qualità architettonica. È il caso di questo edificio, erede del clima culturale del Razionalismo lariano tra le due guerre: una proposta di grande semplicità, eleganza e funzionalità.

Fabio Cani

 

Stabilimento Satam, ora Italca-Loft

Gabriele Giussani, ingegnere, Gian Carlo Onnis

1951-1952

Villa Guardia, via Vittorio Veneto 36

Stato: visibile - parzialmente modificato


Il piccolo stabilimento sorge a Maccio di Villa Guardia, ed è un interessante esempio di quel tessuto manifatturiero che si sviluppò nel periodo della ricostruzione, sovente in edifici di nuova progettazione.
È una struttura molto semplice che ancora risente dei modelli del Razionalismo storico lariano. Originariamente a un solo piano, si compone di un corpo in cemento armato a lato della via, con l'ingresso al centro e un allineamento continuo di finestre, dove erano ospitati i reparti preparazione e spedizione, nonché l'ufficio della direzione, e di un ampio salone retrostante coperto a shed con struttura metallica "Covre" (realizzata dalla ditta specializzata Badoni di Lecco), dove erano collocati i telai.

Veduta generale d’epoca Dettaglio della struttura metallica del salone dei telai

Disegno di progetto

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui

 

Articoli collegati:

XXCO_067: un laboratorio in esposizione

XXCO_069: il primo nucleo di una grande fabbrica