XXCO_041: una casa per il popolo moderno

 

XXCO: l'architettura nel territorio comasco durante il XX secolo

Il nascente movimento operaio si espresse, a cavallo tra Otto e Novecento, anche in una serie di associazioni ed enti per la soddisfazione dei bisogni quotidiani e la somministrazione di servizi essenziali, non ancora garantiti come diritti. Tali associazioni ed enti avevano bisogno di luoghi fisici in cui condurre la propria attività: qualche volta le aspirazioni politiche e ideali si espressero anche a livello di un "nuovo" linguaggio architettonico.

Fabio Cani

 

Casa del Popolo

Luigi Boffi, architetto

1898-1904 ca

Binago, viale Matteotti 29

Stato: visibile - parzialmente visitabile - ben conservata


Delle molte realizzazioni delle associazioni mutualistiche e cooperative di inizio Novecento, poche hanno rilevanza architettonica (o anche solo aspirazione simbolica). Tra queste, la Casa del Popolo di Binago progettata da Luigi Boffi è una delle più interessanti, con la sua ostentata esibizione di motivi decorativi geometrici di derivazione modernista e l'introduzione di alcune novità distributive, come la scala per i piani superiori collocata proprio sullo spigolo e introdotta da un singolare atrio con doppio arco circolare.

La cronologia della costruzione è incerta: sicuramente progettata entro la fine dell'Ottocento, dovrebbe essere stata realizzata nei primi anni del Novecento, presumibilmente intorno al 1904.
È tuttora sede di una cooperativa.

 

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui

 

Articoli collegati:

XXCO_040: una chiesa nella terra

XXCO_042: un asilo per un paese del lago