XXCO_039: una chiesa per l'espansione di un paese

 

XXCO: l'architettura nel territorio comasco durante il XX secolo

Ancora una chiesa, recente e poco nota. I "nuovi" edifici ecclesiastici, con l'obiettivo di rispondere alle nuove esigenze liturgiche e pastorali, e anche con quello di differenziarsi dai modelli "antichi", hanno sondato infinite possibili articolazioni, tipologie, tecnologie. Ingiustamente marginalizzate nei programmi di approfondimento storico-architettonico e anche in quelli di promozione turistica, contengono invece un patrimonio non indifferente di proposte e riflessioni.

Fabio Cani

 

Chiesa dell'Eucaristia

Giuseppe Reynaud, architetto, Alberto Ostinelli, architetto

1992-1996

Tavernerio, piazza Don Benzoni

Stato: visibile - visitabile - ben conservata


L'edificio ecclesiastico, uno degli ultimi realizzati nel Comasco, coniuga il tema dell'aula unica con quello della planimetria centrale: un nucleo poligonale è infatti circondato da una sorta di ambulacro, quasi circolare, con pilastri cilindrici in cemento armato. All'esterno la distinzione dei volumi è sottolineata da differenti finiture (con paramento in pietra naturale il basamento esterno, con intonaco rustico il volume centrale, cui si aggiunge il cemento a vista del portico di accesso), all'interno dalle vivaci decorazioni che caratterizzano il tamburo del nucleo e il vano del presbiterio. L'illuminazione naturale proviene quasi tutta dall'alto.

La chiesa, la cui prima pietra è stata posata nel 1993, e la cui dedicazione è avvenuta il 26 ottobre 1996, sorge nella parte bassa dell'abitato, dove, negli ultimi decenni, si è concentrata l'espansione urbana.

  

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui

Scarica le schede riassuntive in formato PDF (dalla 031 alla 037)

 

Articoli collegati:

XXCO_038: nuova chiesa per un quartiere in espansione

XXCO_040: una chiesa nella terra