XXCO_033: una nuova residenza vicino a quella vecchia

 

XXCO: l'architettura nel territorio comasco durante il XX secolo

Il primo isolato del nuovo quartiere residenziale "borghese" della zona a lago (che poi restò l'unico, perché il quartiere non si fece) venne completato con un radicale cambio di stile architettonico. E fu l'inizio della "nuova" architettura a Como, ma i punti di contatto con la metà già esistente non furono pochi.

Fabio Cani

 

Edificio per residenze e uffici "Novocomum"

Giuseppe Terragni, architetto

1927-1929

Como, viale Sinigaglia 1

Stato: visibile - parzialmente visitabile - ben conservato


Il completamento del primo (e unico) lotto del quartiere nella zona del Pra' Pasquée per conto della società immobiliare Novocomum venne affidato al giovane Giuseppe Terragni, probabilmente per il tramite del fratello maggiore Attilio, che aveva già collaborato con l'imprenditore edile Elio Peduzzi. Terragni riprese l'organizzazione generale dell'edificio preesistente e la trasformò in un organismo compiutamente moderno: gli spigoli stondati, che nell'edificio eclettico progettato da Giacomo Caranchini erano una sorta di bow windows, divennero il fulcro compositivo del nuovo fabbricato con una complessa operazione di svuotamento e riconfigurazione del volume complessivo.

Nel corso del 1927 e del 1929 Terragni approntò versioni successive del progetto, procedendo a una progressiva essenzializzazione del disegno. All'inizio del 1929 l'edificio aveva ormai preso la sua forma definitiva, ma – per evitare qualsiasi rischio di blocco da parte della Commissione edilizia – si venne preparando anche una versione edulcorata da decorazioni in stile che fu presentata agli organi comunali per l'approvazione. Nell'ottobre 1929 l'edificio era sostanzialmente ultimato e la stampa locale registrò lo sconcerto dell'opinione pubblica di fronte a un'architettura così audacemente moderna, e il Comune, di fronte all'evidente difformità dell'edificato rispetto al progetto, nominò una commissione di valutazione, composta dagli architetti Piero Portaluppi, Giovanni Greppi e Luigi Perrone, che si riunì nel dicembre dello stesso anno e si espresse infine per il mantenimento dell'edificio così com'era. La controversa reazione della città si fissò poi nel soprannome di "transatlantico" che restò a designare l'edificio anche nei decenni seguenti.

Disegno di progetto per la prima versione del Novocomum Planimetria del piano rialzato del Novocomum in una versione prossima a quella realizzata.

Al centro dell'attenzione erano proprio i due spigoli con l'espressiva successione di elementi arretrati e sporgenti, percorsi dall'imponente cilindro vetrato fino allo spigolo finale, che ripropone il parallelepipedo di base. In questa articolazione già i contemporanei lessero un'assonanza con le più avanzate esperienze costruttiviste dell'Unione Sovietica, e – più in generale – con l'architettura d'avanguardia del centro Europa. Non minore sorpresa suscitarono le scelte coloristiche, per il forte contrasto tra le pareti verticali (in noisette chiaro), gli elementi a sbalzo (in arancione), gli infissi (in rosso) e gli elementi metallici (in azzurro). Tali scelte sono poi state in gran parte alterate negli interventi del dopoguerra (che sostituirono l'intonaco civile con un rivestimento in "spaccatello" di marmo), e sono state recuperate solo in decenni recenti, parzialmente nelle facciate esterne, più compiutamente in quelle del cortile (a cura dell'arch. Augusto Roda e dell'ing. Franco Panzeri, con la direzione lavori dell'arch. Manouk Manoukian). Così come, negli ultimi anni del Novecento, è stata ricostruita la disposizione originaria dell'ingresso e dell'atrio (a cura dell'arch. Mario Di Salvo).

Al di là delle innovative scelte formali, evidenti non solo all'esterno, ma anche nella disposizione delle scale interne (quella centrale a base quadrata, le due laterali a base triangolare) e nella struttura in cemento armato, il Novocomum di Terragni costituisce un esempio di edificio residenziale intensivo di stampo piuttosto tradizionale, con appartamenti ispirati da un generico decoro borghese, senza l'eco delle riflessioni che contemporaneamente si andavano elaborando in Europa sulle esigenze e sulle regole dell'abitare moderno.

  

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui


Per gli interessati all'argomento, consigliamo il libro Le rotte del Transatlantico di Giorgio Cavalleri ed Elisabetta Ferrario, edito da NodoLibri. Clicca qui per scoprire di più!

 

Articoli collegati:

XXCO_032: una vecchia residenza per il nuovo quartiere

XXCO_034: una fiera nel parco