XXCO_031: una villa di vacanza

 

XXCO: l'architettura nel territorio comasco durante il XX secolo

La scheda di oggi è, almeno per me, frutto di una sorpresa assoluta: un’altra villa sul Dosso di Lavedo, proprio poco sopra a quella di Ico Parisi, pubblicata ieri, a cui non avevo mai prestato attenzione, fino al momento in cui l’ho “scoperta” grazie a una fortuita e tortuosa triangolazione tra libri, web e sopralluoghi.

È, da una parte, il sintomo di quanto ci sia ancora da scoprire sul territorio, come ho cercato di mettere in evidenza ripetutamente, ma, dall’altra, è anche l’esempio dell’elevata qualità architettonica che si è espressa nel territorio lariano, anche in decenni recenti, anche al di fuori delle scuole conosciute o riconosciute.

Fabio Cani

 

Villa per vacanze

Werner Wirsing, architetto, Grete Wirsing, architetta

1958-1960

Lenno, Dosso di Lavedo

Stato: visibile dal lago - ben conservata


La villa, insediata a mezza costa sul versante meridionale del Dosso di Lavedo, è raggiungibile solo con un viottolo pedonale, ma è affacciata su un amplissimo panorama. 

È costituita da un unico grande locale, sollevato dal terreno per mezzo di quattro pilastri allineati sulla mezzeria del rettangolo di base; verso il lago il locale è aperto da una serie continua di finestre, mentre sugli altri lati è chiuso da pannelli di legno che lasciano solo una bassa finestratura a nastro appena sotto la gronda; è parzialmente suddiviso all'interno da pareti che non toccano i muri perimetrali. Il semplice tetto è a due falde.

Di disegno essenziale, e perfettamente inserita nel contesto paesaggistico, grazie anche ai materiali usati (legno, vetro, pietra locale), la villa dei due architetti tedeschi è un esempio, in parte ispirato ai modelli di Le Corbusier, di rinnovamento radicale della villa di vacanza.

Veduta schematica dell'edificio Veduta sul fronte orientale

Scarica la scheda in formato PDF, clicca qui

 

 

Articoli collegati: 

XXCO_030: una villa geometrica sul lago