Como. Inaugurato il nuovo infopoint

 

Nella mattinata di martedì 4 agosto è stato inaugurato il nuovo Infopoint del Comune di Como al Broletto

Senza cerimonie particolari, e con una conferenza stampa assai informale, in stile vacanziero, ma alla presenza del sindaco della città - Mario Lucini -, dell'assessore alla Cultura e al Turismo - Luigi Cavadini -  e di quello all'Urbanistica - Lorenzo Spallino -, oltre che di molti funzionari comunali, il nuovo punto di informazioni turistica ha aperto i battenti. E, con notevole rapidità, si è riempito di turisti (veri) alla ricerca di informazioni: segno che il punto informativo è nel posto giusto e che non rischia di restare deserto.

Positivi in generale i giudizi sull'inserimento della nuova struttura nella campata del Broletto già destinata, dall'inizio del Novecento, alla scala di accesso al salone; l'ambiente vetrato è di misura austera ed elegante, i dubbi semmai sono - da parte nostra - sulla marginalizzazione dell'accesso al salone, che rischia di sembrare un'entrata di servizio, e sulla banalità della passerella che, rasente la torre, "salta" i gradini  a scendere e poi a risalire del piano originario di calpestio del Broletto; in parte così centrale della città, nonostante i vincoli delle varie soprintendenze, era lecito attendersi qualcosa di più "artistico". Tutto sommato, l'intervento sembra ridotto al minimo indispensabile, senza troppe preoccupazioni riguardo ai possibili futuri sviluppi e alle opportunità che un luogo così fondamentale potrebbe offrire; un programma "minimo" che in una certa misura è stato rivendicato dai responsabili dell'amministrazione cittadina, con l'intento di cominciare a dotare la città di un servizio essenziale per il promettente sviluppo turistico.
Grande cura è stata messa nella dotazione tecnologica, che nelle prossime settimane dovrebbe essere ulteriormente potenziata.

Adesso si attende con trepidazione lo smontaggio della inadeguata struttura di via Maestri Comacini (che dopo anni di onorato servizio dovrebbe essere riutilizzata  - si dice - in una qualche area sportiva), smontaggio che è stato promesso per i prossimi giorni, dopo un breve periodo di "passaggio di consegne". E con ancora maggiore interesse (e preoccupazione) si attende la sistemazione di piazza Grimoldi, recentemente liberata dalle auto ma ancora in attesa del proprio destino. Dopo il concorso, e le successive polemiche, l'assegnazione dei lavori potrebbe arrivare entro la fine di ottobre e il nuovo allestimento della piazza potrebbe essere ultimato entro la fine dell'inverno.
La rivitalizzazione di questa parte del centro storico non può certo essere considerata conclusa con l'infopoint, per quanto utile e ben fatto.

[ Fabio Cani, ecoinformazioni ] 

  

 

In un paese di poco più di un migliaio di persone il campo sportivo parrocchiale è il vero centro delle attività ricreative: attorno a questo rettangolo diverse generazioni hanno vissuto la propria infanzia e la loro adolescenza. Il Palio delle Frazioni racchiude in sé un pezzo della storia di Nesso e di ogni nessese.

 

 

La passione civile ha sempre animato Luigi Fagetti, indirizzandone la vita professionale e l'impegno sociale. Como: città sempre amata anche nei momenti di crisi.

Ricco corredo iconografico; rigore scientifico e alta leggibilità. L'intera vicenda del Teatro comasco: architettura, artisti, spettacoli. Una storia lunga due secoli.