Rosa Giuffrè. Fare business con la cultura digitale

 

stare al passo con l'innovazione è fondamentale per la riuscita di un'azienda

Di Rosa Giuffrè

Il tessuto aziendale italiano è già cambiato. Chi per anni ha basato il proprio business model su dinamiche product oriented chiuse si ritrova oggi spaesato e scaraventato in un mondo social oriented iperconnesso che pone al centro di ogni azione la persona e il suo valore.

L'azienda, la PMI pronta ad abbracciare l'innovazione è quella che ha piedi ancorati nel passato, nella tradizione e occhi immersi nel futuro. Per poter fare questo però è necessario prepararsi, formarsi, comprendere e assimilare i concetti di cultura digitale un percorso di vitale importanza se si vuole continuare a far crescere la propria PMI per renderla competitiva.

Questo libro non è un manuale, ma un progetto che mixa la mia esperienza personale a quella professionale. Per questo ho deciso di parlare direttamente al sciur Bianchi.

Il sciur Bianchi (sì, con l'articolo davanti, così come si usa dalle mie parti) è il nome con cui chiamo l'imprenditore, l'artigiano, il commerciante titolare di PMI a cui mi rivolgo. È la figura in cui ho idealmente concentrato diversi profili di imprenditori con cui ho lavorato e che ne riassume sia i pregi che i difetti. Il sciur Bianchi ha visto l'azienda nascere e crescere, è uomo o donna di valore, sa bene come si fa il suo lavoro, è l'unico che ne conosce così bene le dinamiche, il potenziale.

Oggi il sciur Bianchi con un velo di malinconia che guarda a un passato che non tornerà più, fatica a comprendere i cambiamenti tecnologici e comunicativi: si sente disorientato e non sa da dove partire per preservare il valore e la tradizione della sua PMI alla quale vorrebbe regalare un futuro di successo e percepisce che forse sta perdendo dei treni che non torneranno più.

Ecco allora da dove partire e ripartire: non è solo change management, ma un cambio di testa radicale necessario per trasformare grazie alla cultura digitale i manager in leader, per comprendere che oggi non basta acquistare un nuovo PC per essere tecnologicamente avanzati o essere su Facebook per definirsi 'social', ma che il valore più grande sono i tuoi collaboratori.

Il percorso che propongo nel libro parte dal presupposto che prima che ti dica io cosa sia giusto fare o non fare, devi comprendere tu cosa stai sbagliando. Per questo ho inserito anche esercizi più o meno seri, originali e creativi.

Questo libro però non è solo per il 'sciur Bianchi': mentre lo scrivevo pensavo sinceramente "cavolo, se l'avessi fatto leggere al signor X prima di iniziare quel progetto con lui, sicuramente mi avrebbe aiutato a fargli capire meglio quel concetto...".

Ecco, così come ha scritto in maniera impeccabile Giorgio Soffiato nella splendida prefazione, questo testo è propedeutico, una sorta di facilitatore, un aiuto anche per coloro che (esperti di web, marketing, consulenti e innovatori) hanno quotidianamente a che fare con le aziende, le PMI e si ritrovano a dover lavorare col proprio 'sciur Bianchi'.

 

«Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni in cui viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle» (Denis Waitley)

...e io spero con questo libro di poter dare una scossa a coloro che questa responsabilità la devono necessariamente prendere perchè oggi, l'immobilismo, è uno tra i nemici più agguerriti delle nostre aziende.

 

 

Cambia testa e potenzia la tua azienda con la cultura digitale. Abbraccia il digitale e rilancia con successo il business della tua PMI.
Di Rosa Giuffrè, prefazione di Giorgio Soffiato

In un paese di poco più di un migliaio di persone il campo sportivo parrocchiale è il vero centro delle attività ricreative: attorno a questo rettangolo diverse generazioni hanno vissuto la propria infanzia e la loro adolescenza. Il Palio delle Frazioni racchiude in sé un pezzo della storia di Nesso e di ogni nessese.