Como che diventa sistema

expo2015: un'opportunità imperdibile per Como

"Expo 2015 sarà un evento universale che porterà il mondo a 20 km da noi, un'opportunità di straordinaria importanza
che rappresenta un'imperdibile occasione per dare visibilità alla tradizione e alla migliore produzione made in Italy, alla creatività e all'innovazione per rimettere in moto il territorio e contribuire concretamente al rilancio del turismo e al recupero di competitività di tutto il sistema delle imprese".
Parte da questa riflessione Salvatore Amura, presidente e amministratore delegato dell'Accademia di Belle Arti Aldo Galli IED di Como, ma qui soprattutto in veste di project leader di SistemaComo, realtà che sta portando avanti tutte le iniziative per il territorio Comasco in vista di Expo 2015.

 

Cosa è SistemaComo2015 e quali sono i principi di innovazione a cui si ispira?

In vista dell'importante appuntamento dell'Esposizione Universale di Milano del 2015, Como e il suo territorio (in primis Camera di Commercio, Comune di Como e Provincia di Como) hanno avviato il progetto SistemaComo2015 con l'obiettivo di creare un ponte con Milano e direttamente con i Paesi partecipanti. SistemaComo2015 è la rete di coordinamento tra imprese, luoghi e servizi del territorio e tra questi ed Expo 2015 e i Paesi ad essa partecipanti. È il marchio d'area, che rappresenta il territorio di Como, creato al fine di valorizzare e promuovere le sue peculiarità produttive, turistiche e culturali, proponendosi come interlocutore unico e strutturato in vista dell'importante appuntamento dell'Esposizione Universale di Milano. Azione prioritaria di SistemaComo2015 è il coinvolgimento delle imprese attraverso le associazioni di categoria del territorio: primo passo necessario per la costituzione di un sistema territoriale in vista della Esposizione Universale di Milano. Lo strutturarsi come "sistema", ed essere in grado di proporre soluzioni tematiche, è una strategia volta a facilitare il più possibile la partecipazione a Expo dei Paesi e, in questo modo, essere da loro percepiti come soggetto determinante al quale rivolgersi. SistemaComo2015, attraverso gli operatori che ne fanno parte e i loro "pacchetti", è un progetto che può colpire l'attenzione degli espositori in quanto "facilitatore" in un contesto, quello della esposizione universale, per definizione assai complesso; inoltre elimina la difficoltà del paese straniero che si muove e muoverà in un luogo sconosciuto e avendo numerose necessità personali (residenza, esigenze di vita quotidiana, trasporti, materiali, ecc) e lavorative (gestione progetti, consulenze, manodopera, ecc). La possibilità di trovare le risposte a tutte le diverse esigenze, rivolgendosi ad un unico interlocutore, è evidentemente una proposta di riconosciuta qualità.

Quanto conta oggi investire in cultura?

Investire in cultura è diventato imprescindibile: in Europa le città che hanno puntato di più sulla cultura e sulla creatività negli anni più recenti (come, per esempio, le spagnole Bilbao o Siviglia) presentano tassi di crescita nettamente
superiori alla media europea. In Italia abbiamo il bellissimo esempio di Torino: nonostante la crisi economica e occupazionale ha retto meglio rispetto ad altri centri anche grazie al forte investimento culturale che ha contribuito a
renderla un centro dinamico e attrattivo

Quanto conta oggi la valorizzazione dell'integrazione tra territorio, cultura, turismo, imprese, qualità della vita?

È indispensabile, ormai viviamo in un mondo dove tutto è connesso e non si può più ragionare per compartimenti stagni; la parola d'ordine deve essere contaminazione delle competenze, tutto deve essere orientato alla messa a sistema della partecipazione. Le prestazioni urbane dipendono non solo dalla qualità di infrastrutture materiali della città, ma anche - e sempre di più - dalla disponibilità e qualità della comunicazione, della conoscenza e delle infrastrutture sociali.

Cosa significa per Como e le sue imprese essere a 20 km dall'Expo?

La vicinanza ai luoghi EXPO rappresenta una delle chance maggiori per il nostro territorio, contraddistinto da imprese, professionisti e proposte culturali di qualità, luoghi di eccellenza, eventi di pregio e da un sistema dell'accoglienza avvezzo ad un turismo internazionale. Attenzione però: un'Esposizione universale organizzata a pochi chilometri da Como porta al territorio numerosi vantaggi solo se gli operatori sanno intercettare le opportunità, i flussi e le idee che un evento di tale portata catalizza attorno a sé prima e durante la manifestazione internazionale; potrà essere un volano per l'economia solo se il territorio saprà arrivare all'appuntamento con una efficace attività di marketing: attraverso progetti concreti volti al rilancio competitivo e innovativo dell'economia.

Che cos'è il chilometro della conoscenza?

Il Chilometro della Conoscenza (km_c) - promosso e sostenuto dalla Camera di Commercio di Como - è un percorso situato sulla sponda occidentale del Lago di Como - lungo un chilometro - che da Villa Olmo, attraversando con il Ponte del Chilometro la strada per Cernobbio e passando per le serre comunali e Villa del Grumello, arriva fino a Villa Sucota. È un progetto che vuole essere vetrina delle eccellenze del territorio in prossimità del centro della città; riunisce, attraverso i rispettivi parchi secolari, per un totale di 17 ettari, alcune ville storiche di rara bellezza che si affacciano sul lago e che diventano luogo di innovazione e di richiamo di talenti internazionali; è spazio di contaminazioni artistiche, di scambio scientifico, di crescita culturale. È assieme infrastruttura logistica e luogo di produzione creativa, di sperimentazione e di confronto. È palcoscenico per lo spettacolo del bello, laboratorio di idee e
"palestra" per l'intelletto. Infine Como insieme alle Camere di Commercio di Sondrio e Lecco, avrà uno stand all'interno dell'area di Padiglione Italia, anche qui abbiamo scelto una piattaforma di interventi comuni, fare rete: è questa, ancora una volta, la ricetta che emerge quale unica strada percorribile per favorire una promozione del territorio in vista del prossimo appuntamento di Expo 2015, unendo forze, energie, risorse e saperi, possiamo presentarci in modo unico e forte, così da dimostrare la nostra capacità di produrre, creare e raccontare un territorio unico che parte dalle splendide montagne della Valtellina e arriva attraverso le vie d'acqua nei due rami del Lago tanto
rinomati in tutto il mondo.

 

Per tutte le informazioni: www.sistemacomo2015.it

In un paese di poco più di un migliaio di persone il campo sportivo parrocchiale è il vero centro delle attività ricreative: attorno a questo rettangolo diverse generazioni hanno vissuto la propria infanzia e la loro adolescenza. Il Palio delle Frazioni racchiude in sé un pezzo della storia di Nesso e di ogni nessese.