Visite. Agorà incontri culturali albatesi

 

due iniziative tra itinerari e mostre

> Domenica 17 settembre
VISITA IN ALTO LAGO
Itinerario di arte, fede e natura fino alla chiesetta romanica di S. Fedelino

Programma:
h. 7.30 ritrovo sul piazzale della chiesa di Albate
h. 7.35 partenza
h. 9.45 arrivo a Dascio: sosta per un caffè
h. 10.30 imbarco - attraversamento del lago di Mezzola, ricco di punti molto suggestivi, flora e fauna tipiche soprattutto con l’autunno
h. 11.00 visita alla chiesetta proto-romanica di S. Fedelino con guida della Cooperativa Imago
h. 11.30 giro del laghetto sottocosta
h. 13.00 pranzo presso il ristorante Del Mera (menu concordato a base di pesce costo euro 25.00)
h. 15.30 percorso della valle del Liro e di Livo: visita alle chiese di S. Giacomo vecchia di Livo e di S. Eusebio a Peglio (guida Franca Aiani)

Informazioni e iscrizioni:  Giovanni 348.780.2359

Costo: € 27,00 per barca e visita guidata alle chiese / € 25,00 pranzo presso il Ristorante del Mera (da prenotare al
momento dell’iscrizione: comprende antipasto di salumi e pesce; risotto con pesce persico; dolce, bevande, caffè)

L’uscita si svolge con mezzi propri (con possibilità di partecipazione a chi ne fosse sprovvisto).
Si consigliano scarpe comode e binocolo per l’osservazione della natura.
In caso di pioggia la visita al San Fedelino è sostituita dalla visita ad alcune straordinarie chiese di Gravedona: Santa Maria del Tiglio (romanica) e Santa Maria delle Grazie (Cinquecentesca).

> Venerdì 6 ottobre (partenza da Albate ore 11.15; rientro ore 17.00 circa)
Domenica 22 ottobre (partenza da Albate ore 10.30; rientro ore 16.30 posti limitati)

Visite guidate alla mostra
DENTRO CARAVAGGIO
Palazzo Reale - Milano

“appresso di me un pittore valenthomo è uno che sappi dipinger bene e imitar bene le cose naturali” con queste parole lo stesso Caravaggio definisce i principi guida della sua arte così rivoluzionaria, raffinata e nel contempo stesso così vicino alla concretezza della vita da risultare naturale.

Milano torna ancora una volta a rendere omaggio al suo illustre cittadino con una mostra. E’ la terza volta che nelle sale trovano collocazione i suoi capolavori: una prima nel 1951 ebbe il merito di rendere conto di un lungo percorso di studi e ricerche che portarono alla rivalutazione del suo operato; una seconda nel 2005, ponendosi come ideale prosecuzione della precedente, analizzava l’impatto profondo che il suo stile ebbe sui pittori suoi contemporanei.

Questa mostra invece raccoglie i frutti delle nuove indagini diagnostiche ( riflettografie, radiografie e stratigrafie del colore) e delle nuove ricerche documentarie che hanno portato da un lato una conoscenza più approfondita della sua tecnica (si sono scoperte tracce di disegno, ripensamenti) e dall’altra la rivisitazione della cronologia delle opere giovanili e quindi dei suoi primi anni romani. 

In mostra saranno presenti ben 18 opere provenienti da prestigiosi musei, alcune delle quali alla luce di queste ricerche presentano elementi esecutivi inaspettati. I documenti invece approfondiranno aspetti legati alla storia delle opere stesse e anche all’affascinate e avventurosa vita dell’artista.

Informazioni ed iscrizioni: Franca 339.85.31.270

In un paese di poco più di un migliaio di persone il campo sportivo parrocchiale è il vero centro delle attività ricreative: attorno a questo rettangolo diverse generazioni hanno vissuto la propria infanzia e la loro adolescenza. Il Palio delle Frazioni racchiude in sé un pezzo della storia di Nesso e di ogni nessese.