CamCom. Ottimi risultati nel comparto turistico

il turismo in provincia di como continua la sua corsa positivamente

E' stata una dolce estate per il comparto turistico lariano : i tre mesi di luglio, agosto e settembre hanno aggiornato il massimo storico di arrivi e presenze portando i pernottamenti per il territorio comasco a quota 1,5 milioni. Un livello mai nemmeno avvicinato in passato che conferma la forte attrattiva sugli ospiti stranieri aumentati del +14,7% nel terzo trimestre 2016 rispetto all'anno precedente. Anche il comune capoluogo tocca nuovi massimi: i pernottamenti hanno superato le 243 mila unità con gli ospiti stranieri che sono cresciuti del +18,7%.

Il periodo gennaio – settembre 2016
I dati del periodo gennaio – settembre 2016 confermano la corsa del settore turistico della provincia di Como. Gli arrivi totali sono stati oltre 967mila (+9,1% rispetto allo stesso periodo del 2015): gli italiani che hanno passato almeno una notte nelle strutture ricettive lariane sono stati quasi 234mila (+5,2%), mentre gli ospiti stranieri sono stati quasi 733mila (+10,4%). Le presenze totali sono risultate pari a quasi 2,6milioni (in aumento del +9,3% rispetto agli stessi mesi del 2015). Sono cresciuti sia i pernottamenti degli ospiti italiani (pari a 580mila, +2,6%) sia quelli dei turisti stranieri (quasi 2 milioni, +11,5%). La quota di turisti stranieri sul totale delle presenze nei primi nove mesi dell'anno evidenza la sempre maggiore importanza del turismo estero: la percentuale degli ospiti d'oltralpe è risultata pari al 77,5% assestando la quota dei turisti connazionali al 22,5%. In relazione alle diverse tipologie di strutture ricettive, le presenze complessive negli esercizi alberghieri hanno toccato quota 1,7 milioni (+5,7% rispetto agli stessi mesi del 2015), mentre quelle delle strutture extralberghiere hanno superato quota 880mila (in crescita del +17,1%).

Il comune di Como nei primi nove mesi del 2016
Simile trend anche per il comune capoluogo che registra oltre 245mila arrivi totali (+15,2% rispetto allo stesso periodo del 2015) di cui gli italiani sono stati quasi 47mila (+14,8%) mentre gli ospiti stranieri quasi 200mila (+15,3%). Sono cresciuti i pernottamenti degli ospiti italiani (pari a 105mila, +14,3%) sia quelli dei turisti stranieri ( oltre 392mila, +16,3%). La percentuale degli ospiti d'oltralpe è risultata pari al 7 8,9% assestando la quota dei turisti connazionali al 21,1%. Nelle strutture alberghiere si registra un aumento delle presenze di oltre 30mila unità rispetto allo stesso periodo dello scorso anno superando quota 392mila (+8,2%). Si registra una simile crescita in valori assoluti anche n egli esercizi extralberghieri che porta così i pernottamenti per i primi nove mesi del 2016 a 105mila unità (+57,6%).

La provenienza dei turisti stranieri
I dati del periodo gennaio – settembre 2016 confermano che il territorio comasco è molto apprezzato dai turisti delle nazioni "classiche". Al primo posto si trova l a Germania con 392mila pernottamenti (+22,5% rispetto allo stesso periodo del 2015), seguono il Regno Unito con 328mila presenze (+9,5%) e i Paesi Bassi con 185mila +10,9%. Risaltano tre dati negativi: Russia (-12% presenze rispetto agli stessi mesi del 2015), Cina (-19,5%), Brasile (- 8%). Anche per il comune capoluogo la Germania si assesta al primo posto con 44mila pernottamenti (+13,8%), ma seguono Stati Uniti (43mila, +3%), Re gno unito e Francia (35mila presenze entrambi, +26,1 e27,8%).

Andrea Camesasca, componente del la Giunta della Camera di Commercio di Como: «Continua la serie positiva dei dati turistici nell'anno del post-Expo. Ciò evidenzia che il lavoro svolto fino ad oggi sta generando degli ottimi risultati e ci fa ben sperare in un'economia, quella del turismo, ormai stabile e forte. Rimangono predominanti gli arrivi dei turisti stranieri dalle nazioni classiche, sulle quali abbiamo da sempre investito con attività di promozione. Questi ultimi dati, tuttavia, mostrano come area di particolare interesse la regione scandinava per converso la Cina si conferma una potenzialità non compiutamente espressa: rimane un' ombra...cinese!»


Continua a leggere... 

 

 

In un paese di poco più di un migliaio di persone il campo sportivo parrocchiale è il vero centro delle attività ricreative: attorno a questo rettangolo diverse generazioni hanno vissuto la propria infanzia e la loro adolescenza. Il Palio delle Frazioni racchiude in sé un pezzo della storia di Nesso e di ogni nessese.

Una ricognizione nelle vite della gente comune del Regno Lombardo-Veneto tra 1818 e 1862, basata sui verbali dei processi inquisitori, custoditi presso l’Archivio di Stato di Como. Storie tanto lontane nel tempo, ma che appaiono ancor oggi molto vicine.

La passione civile ha sempre animato Luigi Fagetti, indirizzandone la vita professionale e l'impegno sociale. Como: città sempre amata anche nei momenti di crisi.