ICOM_342. ICOMOGRAFIE: Navigazione. Il porto mercantile di Como

 

iCOMOgrafie. La zona di Sant’Agostino è il punto dello scambio di merci tra ferrovia, città e lago

Il porto mercantile di Como, situato a est, in zona Sant’Agostino, mantiene un ruolo importante nel commercio e nello scambio delle merci fino alla metà del Novecento. L’area lacustre è protetta da una diga ricurva e contiene le grandi barche (comballi, gondole, ma anche “lucie” e altri natanti a fondo piatto per merci speciali) usate per il trasporto di materie grezze e lavorate, pietre, legni, metalli, animali (bovini e ovini). Le persone –  dalla metà dell’Ottocento –  viaggiano ormai solo con la Navigazione lariana e le merci pesanti, soprattutto il ferro destinato alla Falck di Dongo, si carica e scarica dalla parte opposta del bacino, usando il terminale a lago delle Ferrovie dello Stato.
 
Il porto mercantile di Sant’Agostino è favorito dalla vicinanza con le Ferrovie Nord Milano che, per qualche decennio, forniscono anche un servizio “merci”, utilizzando un binario dedicato, collegato direttamente al molo dal piano del ferro. Una gru consente facilmente il passaggio delle merci pesanti dal carro ferroviario direttamente al comballo.
 
L’ambiente di lavoro, faticoso per gli addetti e disordinato nell’insieme, non è considerato bello, né attraente per il turismo che diviene, negli anni, una risorsa da salvaguardare e promuovere. I villeggianti giungono in treno da Milano e, spesso, salgono a Brunate con la funicolare, che dista pochi metri dal molo. Lo spettacolo del Lario sembra guastato dall’insieme poco seducente di barconi rabberciati, coperti alla meglio dai teloni, e non ancora assurti al rango di “imbarcazioni pittoresche” da salvaguardare e conservare. Lo saranno quando –  a poco a poco –  scompariranno quasi tutti, sostituiti dai camion e dunque dal trasporto su gomma, che usa le strade statali del Lario, appena riqualificate: un sistema certamente più veloce, ma anche assai inquinante.
 
Alla metà degli anni Sessanta, il porto scompare nel disinteresse generale.
 
Titolo: Saluti da Como
Autore: Non identificato
Soggetto: Porto lacustre a Sant’Agostino
Data: Fine anni Quaranta
Tipologia: Cartolina
Provenienza: Archivio Carlo Fatrizio

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui