ICOM_335. ICOMOGRAFIE: Trasporti. Funicolare di Lanzo d'Intelvi

 

iCOMOgrafie. Un patrimonio storico, ormai completamente ammalorato; in servizio dal 1907 al 1977

La funicolare Lanzo d'Intelvi-Santa Margherita nasce come ardita e visionaria idea di un collegamento – a carattere prevalentemente turistico – tra il borgo di Lanzo d'Intelvi, a monte, con il Lago di Lugano, presso Santa Margherita di Valsolda.

Il comitato promotore per la realizzazione dell’opera ingegneristica si costituisce nel 1902, con l’obiettivo dichiarato di fornire un impulso allo sviluppo economico della valle d'Intelvi. Il progetto originario è a cura dell'ingegner Pfaltz, in seguito perfezionato dallo specialista ingegner Bucher.
Lunga complessivamente 1475 metri, la suggestiva linea (costituita da un binario semplice a scartamento metrico con posto di raddoppio a metà tracciato) segue un percorso sinuoso, lungo il quale si contano quindici ponti ad arco, costruiti per superare le vallette che tagliano la costa montuosa. Le due vetture possono trasportare 32 passeggeri seduti, di cui 8 in prima classe e 24 in seconda.

Finalmente, la prima corsa si effettua: è il 29 settembre 1907. I 18 minuti di tragitto offrono ai turisti, anche stranieri, ai villeggianti e ai residenti l’opportunità di godere di un paesaggio di rara bellezza, con panorami sia sulla catena alpina che sul Ceresio e sui boscosi pendii.

A partire dal 1962 il numero di viaggiatori comincia a calare, anche per il concomitante sviluppo della motorizzazione privata. La funicolare cessa l'esercizio il 19 settembre 1977, alla scadenza della concessione. Negli anni successivi si cerca di operare per il ripristino del servizio, tanto che, nel 1995, si procede allo sgombero della sede. Tuttavia ad oggi non vi è alcun segnale che possa far sperare gli amanti di questo particolare mezzo di trasporto.

Titolo: Funicolare di Lanzo d'Intelvi
Autore: Brunner & C.
Soggetto: Veduta di una vettura della funicolare
Data: Primi del Novecento
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui