ICOM_329. ICOMOGRAFIE: Luoghi. Villa Bernasconi

 

iCOMOgrafie. Restaurata e valorizzata, ora è fulcro di numerosi eventi culturali

Tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, nel piccolo paese di Cernobbio, insieme alle prime iniziative per l’accoglienza dei turisti, cresce una grande realtà manifatturiera: le tessiture seriche Bernasconi, che nel breve volgere di qualche anno trasforma una grande porzione del territorio comunale a ridosso della via Regina e della strada verso Maslianico. Ai grandi capannoni industriali, si affiancano l’edificio per gli uffici, la villa padronale (oggi parte della sede municipale di Cernobbio), le residenze per gli operai e gli impiegati e anche alcune strutture per un embrionale sistema di “welfare aziendale” come l’asilo.

Nei primi anni del secolo, però, al titolare dell’azienda Davide Bernasconi la “vecchia” villa in stile eclettico sembra un po’ troppo antiquata e commissiona quindi una nuova residenza al progettista milanese Alfredo Campanini. Il nuovo edificio, completato entro il 1905, è uno dei più eleganti e fantasiosi esempi dello stile floreale nel territorio comasco; di particolare interesse è l’integrazione tra la struttura architettonica e l’apparato decorativo, esteso in ogni ambiente e su ogni superficie, con l’esibizione di colori e materiali diversi: dalle boiseries ai cancelli d’ingresso in ferro battuto, dalle piastrelle ceramiche ai dipinti parietali. Nei fregi modellati in conglomerato cementizio intorno alle numerose finestre sagomate, bachi, farfalle e foglie di gelso fanno quasi da “stemma nobiliare parlante” per l’imprenditore tessile.

Per la villa, restaurata negli ultimi anni dopo essere stata adibita a funzioni diverse (è stata utilizzata anche dalla Guardia di Finanza), si prospetta un ruolo centrale nel sistema culturale della sponda lariana occidentale.

Titolo: Villa Bernasconi a Cernobbio
Autore: Non identificato
Soggetto: Veduta della villa padronale con l’allestimento originario del giardino
Data: 1905 ca
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui