ICOM_313. ICOMOGRAFIE: Tradizioni. Il “cannone” di mezzogiorno

ICOM_313. ICOMOGRAFIE: Tradizioni. Il “cannone” di mezzogiorno

 

iCOMOgrafie. Una tradizione sonora ultracentenaria

Il “cannone” di mezzogiorno: a Como il suo colpo è un suono mitico, atteso ogni giorno. Ha un’origine non turistica, né di segnalazione, ma assolutamente pratica, parascientifica: contro la grandine.

Dalla scienza tuttavia è considerato un aggeggio inutile; troppo debole l’impatto sonoro sulla forza della precipitazione violenta che trasforma – soprattutto d’estate – la pioggia in grandine. Temutissima dagli agricoltori e soprattutto dai viticoltori, la grandine – proprio perché imprevedibile e improvvisa – provoca danni ingentissimi con – spesso – totale distruzione delle colture.

Sul finire dell’Ottocento si sperimentano quindi i primi cannoni che, conici, metallici, alti qualche metro e rivolti verso il cielo, “sparano” un potente suono contro le nuvole; ma i risultati non sono soddisfacenti. Il numero dei cannoni dev’essere proporzionato alla vastità dei campi o terrazzamenti e il costo d’allestimento e di gestione risulta troppo oneroso rispetto ai risultati.

Così avviene anche a Como, zona Garzola, ancora coltivata a vigneto. L’effetto dev’essere scarso e così, nel 1912, il cannone, da “arma” contro il temporale, si trasforma in segnale del tempo di mezzogiorno. È collocato a metà della linea della funicolare Como-Brunate (località Carescione) e il suo segnale diviene importante nella vita cittadina, atteso ogni giorno.

Per qualche periodo (durante le due guerre mondiali, ovviamente) il suono tace; anche negli anni Settanta (tempo di bombe e terrorismo), per un lungo periodo. Poi riprende. I comaschi lo aspettano, i turisti si sorprendono, i piccioni volano via sempre spaventati. Il cannone è una curiosità innocua e il suo effetto acustico, secco e potente, si ascolta in tutta la Convalle. Il servizio è efficacemente curato (da anni) da Francesco Guarisco (caposervizio della Funicolare), che provvede a “caricare” l’arma con cartucce apposite prodotte dalla Fiocchi di Lecco.

Titolo: “Cannone” di mezzogiorno
Autore: Non identificato
Soggetto: Francesco Guarisco posa accanto al “cannone” con Como alle sue spalle
Data: 2010
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Collezione Francesco Guarisco

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui