ICOM_295. ICOMOGRAFIE: Restauri. Como e la piazza del Duomo


iCOMOgrafie. Negli anni Venti si interviene sul Broletto e gli edifici vicini

Como: metà anni Venti del Novecento. Il tram attraversa ancora piazza del Duomo; diversi edifici che ne segnano il perimetro sono ripensati e poi diversamente rifatti. Una fotografia segna il momento del passaggio tra l’immagine povera, quasi rustica, rovinosa di edifici storici eppure molto precari e la necessità di ripensare il centro della città di Como in funzione del turismo, della rappresentanza (chiesa, banche, piazza principale) e del traffico. Sul retro della piazza del Duomo (piazza Grimoldi) si tiene ancora il mercato settimanale.

La fotografia (databile al novembre del 1925) riprende una piccola striscia del Broletto, la torre campanaria (con al centro l’orologio elettrico della ditta Panzeri) e – già eliminato (con un riempimento provvisorio) – il negozio di frutta e verdura (immortalato in tante immagini degli anni precedenti). Molto belle le due ringhiere in ferro battuto (perdute). La lapide (parzialmente nascosta dal lampione elettrico) è quella dedicata al Milite ignoto, collocata nel maggio del 1924.

Al centro, alla base di una casa evidentemente disabitata, sta l’Orologiaio Ottico - Fratelli Rezzonico. Ancora ben visibile l’ex pronao di San Giacomo (si nota l’arco del portico, tamponato), da secoli trasformato in abitazione, ma ormai dismesso. È circondato da strutture di sostegno, ponteggi instabili che ne annunciano l’imminente demolizione. È ormai tramontata – infatti – l’ipotesi di trasformarne il volume architettonico nel Monumento ai Caduti (ma si farà a lago, tra 1930 e 1933).

Diversi i cartelli pubblicitari sul fondo; i più leggibili riportano la promozione per il film muto Triboulet (Rigoletto, del 1923, regia di Febo Mari), proiettato a Como, al cinema Moderno, tra ottobre e novembre del 1925.

Titolo: Como. Piazza del Duomo
Autore: Non identificato
Soggetto: Torre campanaria e Broletto
Data: Novembre 1925
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Collezione Carlo Fatrizio

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui