ICOM_287. ICOMOGRAFIE: Mestieri. Il mugnaio in estinzione


iCOMOgrafie. Decine di mugnai artigiani operavano in provincia di Como; ora sono tutti scomparsi

Mugnaio, mestiere antico, tra i più diffusi. Il sistema economico “chiuso” e autosufficiente pretende approvvigionamenti frequenti di materie prime essenziali (come le farine) e vicinanza dei luoghi di rifornimento. Il mugnaio è quasi sempre non lontano dal nucleo abitato e, per i pesi che riceve per le lavorazioni (i sacchi) e per la distribuzione del lavorato, anche con accessi comodi.

Il mugnaio è dunque parte importante del sistema sociale e delle comunità: ne conseguono un certo prestigio, una qualche “ricchezza” materiale, una notevole esperienza di lavoro. Deve conoscere i meccanismi del suo mulino (in legno e ferro e pietra, non complicatissimi, ma da tenere nella massima efficienza); deve conoscere i tipi di farine (per le differenti panificazioni); deve gestire il debito e il credito su cui si basano le operazioni quotidiane – anche di sopravvivenza – delle numerose famiglie della zona.

Il mugnaio meccanizzato – da sempre, ovviamente – si colloca ai lati dei torrenti, trovando nell’acqua – a portata costante – la forza motrice necessaria e indispensabile per far muovere la ruota del mulino e agire – con le saracinesche – ai flussi che determinano la velocità di rotazione delle ruote che azionano le macine (in sarizzo o granito). La produzione è – tranne che nei periodi di carestia – costante, giornaliera e il commercio (su cui si favoleggia di ruberie sul peso) al minuto. Anche portando le farine in sacchi, dal mulino fino alle case e ai forni.

In provincia di Como, sui torrenti del Lario e anche in Brianza, i mulini sono centinaia – e ben documentati – dal Medioevo al Novecento. Poi, a uno a uno cessano l’attività, superati dalla produzione industriale e senza più bisogno d’acqua come forza motrice. Elettricità e nuovi sistemi produttivi e commerciali ne decretano la scomparsa.

Titolo: Mugnaio. Bardatura per il trasporto
Autore: Alunni scuola elementare di Bizzarone
Soggetto: Il mugnaio Carlo Galli di Drezzo
Data: 1982-1983
Tipologia: Reportage fotografico
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui