ICOM_282. ICOMOGRAFIE: Luoghi. Como, i caselli di Porta Portello


iCOMOgrafie. Un'immagine di inizio Novecento della barriera daziaria, presso l'odierna piazza Verdi

Le mura medievali di Como sono aperte da tre porte principali: Porta Torre – verso sud, verso Milano –, Porta Sala – verso ovest, ma in realtà verso la strada che porta al nord e alle terre del lago –, e Porta Portello – verso est, verso la Brianza e l’intera fascia pedemontana –; la quarta porta fondamentale, ma completamente diversa, è il porto lacuale; in più un paio di porte minori (pusterle).

Degli ingressi principali il meno conosciuto è il Portello, che sorgeva in corrispondenza dell’attuale piazza Verdi, immediatamente a ridosso della linea che poi verrà occupata dalle Ferrovie Nord; è detto anche, per chiarezza, Porta del Monte di Brianza: da lì comincia il fondamentale asse che punta in direzione di Lecco e Bergamo (attuale via Dante, non a caso tracciata in diagonale) e svolge quindi un ruolo basilare nel sistema di controllo dell’immediato intorno urbano; a riprova di ciò, esso è collocato nelle immediate vicinanze del Castello della Torre Rotonda e del centro del potere (Duomo, Broletto, Pretorio eccetera).

Nella prima età moderna viene difeso da un potente baluardo triangolare (raffigurato in alcune stampe), poi demolito. All’inizio dell’Ottocento resta l’antico muro medievale, presto sostituito da un ingresso monumentale con caselli e cancellata, evidentemente ispirato ai modelli milanesi. Per queste costruzioni viene bandito un concorso che intorno al 1836 premia il progetto dell’ingegnere Eugenio Carove. I due caselli resistono fino agli anni Trenta, quando già intorno a loro è tutto cambiato: nell’ampio spazio antistante – un tempo piazza Castello –, dopo il treno, sono arrivate le tintorie, poi i pompieri, poi la Casa del Fascio razionalista. Alla fine, a segnare il limite antico della città resteranno solo i passaggi a livello e i binari delle Ferrovie Nord.

Titolo: I caselli di Porta Portello
Autore: Non identificato
Soggetto: Veduta della barriera daziaria, con piazza Castello, treno in transito e quartiere di San Giuliano sullo sfondo
Data: 1910 ca
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Collezione Libreria Dominioni 

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui