ICOM_276. ICOMOGRAFIE: Capolavori. Novocomum, Como si risveglia moderna


iCOMOgrafie. 1929: il primo edificio radicalmente moderno in città

Nell’ottobre 1929, alla rimozione degli impenetrabili ponteggi che hanno protetto il cantiere, la città di Como è messa repentinamente a confronto con il primo edificio radicalmente moderno: il Novocomum. Ed è subito scandalo. Ai giornali locali giungono vibranti proteste: “uno scrittore – è documentato in un articolo – si domanda a che possa servire quella specie di transatlantico in terra ferma”...

I lavori sono proceduti, in effetti, con assoluta riservatezza e anche il progetto presentato in Comune è molto diverso dall’edificio realizzato: al posto di una residenza con decorazioni classiche, non molto diversa dalla metà già costruita negli anni precedenti dall’architetto Caranchini (solo un po’ più sobria), è sorto un edificio netto, spigoloso, fatto di volumi semplici e colori puri, del tutto privo di concessioni al gusto rétro; il progetto è dell’architetto Giuseppe Terragni, fresco di laurea.

Di quel “mostro edilizio” si chiede la demolizione, in nome del decoro cittadino. L’amministrazione pubblica, prudenzialmente, istituisce una commissione d’indagine. Nella foto che ritrae il sopralluogo degli esperti (tra gli altri si riconoscono l’ingegnere Gianni Mantero e il pittore Vincenzo Schiavio, ma della commissione fanno parte anche gli architetti Piero Portaluppi, noto progettista milanese, Luigi Perrone, direttore del Museo civico e Giovanni Greppi, ideatore del vicino stadio) si fronteggiano, come in un duello, il giovane Terragni, con un rotolo di progetti in mano, e il maturo Guido Ravasi, campione del bel gusto serico e artistico.

La commissione deciderà per la conservazione dell’edificio, lasciando così in eredità alla città uno dei capolavori dell’architettura moderna, ma il soprannome – non propriamente encomiastico – di “transatlantico” resterà stabilmente appiccicato all’edificio (persino alla sua parte preesistente).

[Sul tema: Le rotte del Transatlantico, di Giorgio Cavalleri ed Elisabetta Ferrario (NodoLibri, 2013)]

Titolo: Sopralluogo al Novocomum
Autore: Non identificato
Soggetto: Il gruppo degli esperti visita il cantiere dell'edificio di Terragni
Data: Dicembre 1929
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui