ICOM_273. ICOMOGRAFIE: Storia. La prima veduta di Como


iCOMOgrafie. Poco realismo, molta allegoria

Quella che è considerata la più antica immagine della città di Como nel suo complesso è una miniatura di piccole dimensioni, nella pagina di apertura, con dedica a Bruzio Visconti, di un codice del Compendium moralis philosophiae di Luca Mannelli, ora conservato a Parigi, ma di indubbia provenienza milanese.

La veduta di “Cum” (ovvero Como, nella variante antichissima del suo nome, ancora utilizzata per tutto il Medioevo, quando la diocesi è invariabilmente definita diocesis Cumarum) fa parte di un’immagine che celebra il primato di Milano sulle altre città lombarde: è evidente che lo scopo comunicativo dell’immagine non è affatto nella verosimiglianza della veduta ma nella simbolizzazione della situazione politica della regione, e per questo scopo basta un disegno solo “allusivo” (che non comprende nessun elemento identificabile, ma solo oggetti generici: mura, ponte levatoio, chiesa con campanile, edicola; curiosamente, non c’è nemmeno il lago).

Questo primo “ritratto” di Como può essere quindi considerato l’ultimo esito, tra celebrativo e burocratico, del linguaggio visivo del Medioevo (databile con ragionevole approssimazione al periodo tra 1335, anno in cui Como entra nell’orbita milanese, e 1356, anno di morte del dedicatario), nonostante che negli stessi anni, anche in Lombardia, si sviluppi un’attenzione nuova a una trascrizione pittorica più attenta ai dati reali, che di lì a breve condurrà a immagini più precise degli elementi urbani.

Prima della sua morte nel 1337, per esempio, Giotto soggiorna sicuramente a Milano, sollecitando il rinnovamento della pittura locale, di cui si possono scorgere gli esiti anche negli affreschi comaschi di Sant’Abbondio e Santa Margherita (convento che sorgeva nell’area dell’odierna via Borsieri).

Titolo: Cum
Autore: Non identificato
Data: 1335-1356
Soggetto: Immagine ideale della città di Como
Tipologia: Miniatura
Provenienza: Bibliothèque nationale de France, Parigi

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui