ICOM_266. ICOMOGRAFIE: Lago di Como. Autunno


iCOMOgrafie. Alla ricerca di atmosfere, di colori, di pace

È una bella mattina d’autunno e il pittore Gin Binaghi (1880-1976) sta sul posto come una sentinella che scruta l’orizzonte e fissa sulla carta poi con acquerello la bellezza del Lario sotto il sole caldo. Luce bellissima che parte da lontano, una scia sempre più brillante che da Lecco (perduta tra le nebbioline, in fondo in fondo) è interrotta solo dalla punta di Bellagio, riconoscibilissima.

Lo scopo dell’artista è – forse – quello di segnare Bellagio come il centro del tutto: celebre località, amata dai turisti di tutto il mondo (anche negli anni Trenta cui si riferisce il dipinto) e che non ha bisogno di particolari: non si vedono né il borgo, né San Giovanni e neppure le celeberrime ville, soprattutto Villa Melzi e il gran bel giardino.

Più preciso, il Binaghi, nell’indicare i seni e i golfi che caratterizzano il ramo di Lecco del Lario. Da buon montanaro non può sottrarsi alla precisa riproduzione dei Corni di Canzo (in fondo sulla destra, facilmente individuabili) e il gruppo delle Grigne (sulla sinistra) che finiscono – tra valli e paesi – al Legnone, puntuto.

In primo e primissimo piano tutto è differente: gli azzurri e i grigi del fondo si trasformano in una tavolozza ricca di colori accesi che riprendono i caldi toni dell’autunno lariano. Rampicanti che quasi chiudono il cancello e cespugli ancora incerti tra il verde scuro e i toni del marrone bruciato.

Il sole lancia colpi di luce che rendono brillanti, vivaci e precisi tutti i piani di questo racconto che fissa un momento tra la fine dell’estate e l’inizio dei primi freddi. L’aria è fresca, ma ancora ci saranno belle giornate: per passeggiare, scoprire e godere la calma di questi luoghi che si affacciano sul Lago di Como al meglio del suo splendore.

È una pubblicità, ovviamente, ma anche molto sincera.

Titolo: Autunno
Autore: Luigi (Gin) Binaghi
Soggetto: Il ramo orientale del Lario
Data: 1930 circa
Tipologia: Acquerello
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui