ICOM_264. ICOMOGRAFIE: Eventi. Campo Urbano 1969, una sorpresa


iCOMOgrafie. Como. La città murata si sveglia dentro l'arte contemporanea

La mattina del 21 settembre 1969 la città cambia. Non è ancora totalmente un’area protetta, una cittàmurata”, una ZTL estesa, un’area interamente pedonale (lo sarà ad iniziare dal 1974); c’è traffico e si posteggia ovunque, ingorgando le piccole arterie del tracciato stradale antico.

Como è ancora un territorio in cui convivono commercio, artigianato, rigattieri, sarti, modiste, venditori di stoffe e cromatori (che spurgano mercurio nel mezzo della strada). Il centro non è dissimile ad un sobborgo non ben tenuto e molte case di ringhiera stanno a fianco  di quelle nobili (decadute) e alle prime architetture coraggiose del Modernismo, che ha portato luce, balconi, ascensori. È una città che si avvia verso il tramonto industriale e non ha riconosciuto ancora la vocazione commerciale, di servizi o turistica. Ma non è una città morta.

La domenica mattina di quel 21 settembre, chi va a messa nel Capoluogo (le parrocchie sono ancora quattro) si ritrova in una dimensione “spazio-temporale” molto diversa. L’atmosfera è cupa, ma l’aria è fresca; la giornata si preannuncia grigia e piovosa. Il Settembre Lariano (manifestazione di fine estate) lascia il tempo all’autunno appena iniziato. Usciti dalle chiese e avviatisi verso il bar Mariett o l’Unica o il Barchetta – per il tradizionale aperitivo – i comaschi si trovano la strada sbarrata.

Campo Urbano è sorto all’improvviso. Azione di strada collettiva, barriera insormontabile che separa la tradizione, la conservazione e la modernità. Forse la contemporaneità. Per molti è un pugno nello stomaco. Che sta succedendo?

Ai giovani e ai ragazzi quelle strane cose che popolano il centro storico di Como appaiono come uno spettacolo tutto da godere. Non si è in grado – almeno nelle prime ore – di comprendere la portata dirompente e provocatoria dell’evento, ma  tutti sono colpiti dalla fantasia e dalla varietà degli interventi. A fine giornata, in Camera di Commercio, si tiene un acceso dibattito; una domanda ricorre tra i contrari a Campo Urbano: ma questa è arte?

Titolo: Ugo La Pietra, Allora: copro una strada ne faccio un'altra trasformo gli spazi originari cambio le abitudini di comportamento
Autore: Ugo Mulas
Soggetto: Intervento artistico in via Vittorio Emanuele II
Data: 21 settembre 1969
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Volume Campo Urbano (Editrice Cesare Nani, Como 1969)

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui