ICOM_259. ICOMOGRAFIE: Stazioni. Como Lago, suggestivo capolinea


iCOMOgrafie. Como Nord Lago, approdo di pendolari e turisti di ogni epoca

Como Lago è l’importante stazione ferroviaria cittadina che funge da punto terminale della linea proveniente da Saronno (e Milano), gestita dalle Ferrovie Nord.

La stazione apre il 5 luglio 1885, come capolinea della ex ferrovia Como-Varese-Laveno. Nel 1898, con l'apertura della ferrovia Saronno-Grandate, che sostituisce la precedente tranvia Como-Fino-Saronno, diviene stazione capotronco della direttrice ferroviaria Como-Saronno-Milano Cadorna.

A differenza di quello della stazione di Como Borghi, il suo fabbricato viaggiatori non gode di una particolare visibilità: da sempre, il fulcro degli spostamenti – tra partenze e arrivi – si svolge infatti sul fronte lago. È questo uno scenario che può “rivaleggiare” solo con l’omologo capolinea di Laveno (sul ramo varesino della rete FN), che quasi si specchia nelle acque del Verbano.

L'area d'accesso è nell’immaginario collettivo caratterizzata dalla pensilina in ferro: si tratta, tuttavia, di una aggiunta successiva (1904). La fotografia d’epoca rivela infatti come, all’origine, i binari fossero scoperti, e continuassero (anche per agevolare le manovre di riposizionamento delle locomotive), intersecandosi in un unico binario che proseguiva per alcune decine di metri fino a raggiungere l’area lacustre, con lo scalo merci a lago.

L'impianto è oggi dotato di quattro binari (di cui uno "tronco") per la sosta e il ricovero notturno dei convogli. A questi se ne aggiunge uno di servizio, posto sotto l'alto muro in pietra (medievale) che confina coi vicini giardini pensili privati (raggiungibile solo tramite manovra di regresso del convoglio dal binario 3); esso è ciò che rimane dei due delle origini, che terminavano al coperto della rimessa delle locomotive, nata per accogliere i mezzi di trazione a vapore (indispensabili solo fino al maggio 1937, data della completa elettrificazione della linea), e demolita entro la fine dagli anni Settanta.

Nelle sue immediate vicinanze – grazie al lungimirante attraversamento della linea all’interno del tessuto urbano cittadino – si trovano alcuni dei luoghi più simbolici e suggestivi della città: Teatro Sociale, Duomo, Casa del Fascio, centro storico. Facili anche gli interscambi con i battelli e la funicolare Como-Brunate.

Titolo: Stazione di Como Lago
Autore: Non identificato
Soggetto: Veduta del "piazzale del ferro" dello scalo
Data: Fine Ottocento
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui