ICOM_246. ICOMOGRAFIE: La guerra delle due Radio


iCOMOgrafie. Da Erba al mondo, ma non insieme

Ad Arcellasco di Erba, nel 1983, don Mario Galbiati (Monza, 1930) fonda Radio Maria. È una piccola radio parrocchiale che si rivolge ai fedeli: casalinghe, ammalati, anziani della comunità erbese. Ma il progetto è ambizioso: “avviare un cammino di apostolato radiofonico”, ovvero non solo informazione, ma promozione cristiana attraverso preghiera, catechesi e dialogo.

Molte rubriche sono affidate a collaboratori esterni che intervengono telefonicamente (il sistema di trasmissione telefonico s’affina negli anni) e diverse rubriche si mantengono nei palinsesti. Spesso in diretta, ma con molte repliche. Sono vescovi, teologi, comunque preti e ovviamente laici che “per statuto” devono appartenere alla chiesa cattolica e, in particolar modo – ovviamente – credere nella Madonna.

Radio Maria è costante “missione” verso la “trasmissione” e condivisione della figura di Maria attraverso la Liturgia delle ore, il Rosario, la Messa. Rito, predica e dialogo scandiscono la giornata radiofonica.
Il cambiamento editoriale (ma anche imprenditoriale e teologico) si ha con l’ingresso di don Livio Fanzaga (Dalmine, 1940) che, quasi fulminato durante un pellegrinaggio a Međugorje, inizia nel 1985 la collaborazione presso Radio Maria (direttore dal 1987).

Tra il fondatore, don Galbiati, e don Lino si aprono dissensi profondi sulla conduzione di Radio Maria, aggravati da complicazioni societarie e di proprietà. Il tema è “Maria”, ma la sostanza sono i beni materiali che la radio possiede. Tra tutti la Villa Vaccani di Erba (sede della radio), che è parte di un contenzioso penoso, lungo e complicato.

Don Galbiati viene estromesso da Radio Maria. In seguito fonda Radio Mater, continuando il progetto: è (significativamente) l’11 febbraio 1994. Dopo il processo, la villa è attribuita (2013) a Radio Maria, interrompendo per sempre l’idea ecumenica di una radio cattolica, unica, dedicata alla Madre di Dio. Le trasmissioni proseguono, dal 2013, da Albavilla (Como).

Titolo: Spostamento della statua della Madonna
Autore: Non identificato
Soggetto: Trasloco della statua da Erba ad Albavilla
Data: 2013, settembre
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui