ICOM_221. ICOMOGRAFIE: Storia. Gli antichi mulini


iCOMOgrafie. La xilografia di Cesare Cesariano

Il mulino rappresenta uno dei principali elementi di trasformazione e sviluppo dell’economia nella zona lariana, nel corso dei primi secoli del Medioevo. In realtà, il mulino come sistema meccanizzato di sfruttamento dell’energia idraulica (utilizzato soprattutto per la macinazione) nasce molti secoli prima, già nel I secolo a.C., ma è solo con l’XI secolo che si hanno notizie certe della presenza di ruote idrauliche nel territorio comasco; da quel momento in avanti, però, la diffusione è inarrestabile, e si ritrovano mulini in ogni dove, dalla città alle più sperdute valli, laddove ci sia un minimo corso d’acqua da utilizzare.

I mulini sono di svariati tipi, con ruota orizzontale (mossa da un getto concentrato di acqua disposto lateralmente) o con ruota verticale (mossa dal flusso di una canalizzazione tangente al suo limite inferiore – “mulino per di sotto” – oppure da un getto che cade sulle pale dall’alto – “mulino per di sopra” –); nei pressi del Lario, pur essendo documentati tutti i tipi (in Ticino si conservano fotografie di ruote orizzontali ancora in funzione all’inizio del Novecento), la preferenza va certamente al tipo verticale, che per essere stato descritto nel trattato di architettura di Vitruvio prende a volte il nome di “vitruviano”.

Sono di questo tipo i mulini lungo il corso del Cosia donati all’abbazia di Sant’Abbondio all’inizio dell’XI secolo come dotazione di prosperità, così come i molti che si assiepano a Nesso a lato del famoso orrido.

Dal mulino derivano altri opifici a forza idraulica, come le folle che applicano al meccanismo fatto girare dalla ruota un albero a camme in grado di far battere un gruppo di martelli in serie, oppure le seghe che trasformano il movimento rotatorio in movimento alternativo (avanti-indietro) grazie a un sistema a biella-manovella.

Titolo: Mulino vitruviano
Autore: Cesare Cesariano
Soggetto: Illustrazione del funzionamento di un mulino verticale
Data: 1521
Tipologia: Xilografia
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui