ICOM_218. ICOMOGRAFIE: Luoghi. Domaso e il suo centro storico


iCOMOgrafie. Rilievi artistici, sport e turismo

Affacciata sul lago e circondata dai monti, Domaso è località di origine romana e si estende lungo l’antica via Regina. L’antico tracciato (poco più che una mulattiera) segna – come un diametro molto irregolare – la metà del cerchio formato dalla parte a lago del paese.

Domaso è importante centro medievale. Il paese ha mantenuto per secoli un’economia basata prevalentemente sull’attività dei pescatori, favoriti da numerosi attracchi per le barche e da un porto sicuro e ampio.

Dalla metà del Novecento, sfruttando la mitezza del clima, la brezza (bréva) che spira costante nei mesi estivi e la bellezza del luogo, Domaso vive soprattutto di turismo ed è meta costante di comunità (famiglie e gruppi) provenienti da numerosi paesi del Nord Europa, che hanno introdotto e aiutato a sviluppare diverse attività sportive (legate al vento e all’acqua) ed escursionistiche.

Oltre a usare le strutture sportive che consentono di praticare windsurf, vela, golf, equitazione e altro ancora, chi sceglie di soggiornare in paese può apprezzarne il centro storico, le ville e le chiese: Villa Camilla (sede del Municipio; è di origini seicentesche, inserita in un parco di 8 mila metri quadrati con grotte artificiali e una cancellata del 1700); la chiesa parrocchiale di San Bartolomeo (trasformata, in epoca barocca, dalle sue originali forme romaniche e ricca di decorazioni, pitture e arredi pregevoli).

L’antico borgo, in particolare, mostra un dedalo di vicoli che si inerpicano dalla riva verso la montagna, caratterizzati dalla presenza di ponti, sottopassi e archi. Interessanti sono anche gli affreschi votivi, le decorazioni e i portali in pietra delle facciate delle case, sia quelle edificate lungo l’antica via Regina, sia quelle delle viuzze interne.

Titolo: Domaso
Autore: Fratelli Wehrli
Soggetto: Veduta del paese
Data: 1899
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui