ICOM_181. ICOMOGRAFIE: Alberi. Rugulòn e Rugulìn a Grandola

 
iCOMOgrafie. A Grandola, sopra Menaggio, vivono due querce maestose: il Rogolone e il Rogolino

Rogolone (detto “Rugulòn”) è un albero maestoso che si credeva vecchio di mille e più anni. Si diceva che sotto le sue fronde i vecchi della zona amministrassero la giustizia (ma perché così distante dai luoghi abitati?); che ci si riunisse per dirimere questioni di confine; che fosse spazio per feste pagane (riti di primavera?) e si narrava – sottovoce – che fosse il luogo d’incontri notturni di streghe. Insomma, leggende mai provate, però belle e capaci di mantenere in vita nei secoli un albero di tal fatta e il suo vicino, il più piccolo Rogolino (“Rugulìn”).

Si tratta di due esemplari di quercia certamente monumentali appartenenti al territorio del comune di Grandola ed Uniti, sopra Menaggio, a 450 metridi quota. Distano meno di un’ora dal Municipio del paese (strada abbastanza agevole e quasi in piano) e sono cresciuti in una radura della frazione Velzo, in località “Bosco Impero”.

Il Rogolone è al centro del pianoro: è un rovere dalle dimensioni notevoli, con 8 metridi circonferenza e 25 di altezza. È imponente ed è considerato un esemplare tra i maggiori dell’Italia Settentrionale e una delle piante più maestose d’Europa.

“Rugulòn” e “Rugulìn” dal 1928 sono tutelati e dunque monumenti nazionali; dal 2001, il Rogolone è simbolo del Museo Val Sanagra. I due alberi, la cascina accanto e lo spazio circostante sono oggi di proprietà dell’associazione Italia Nostra, che ha provveduto a una campagna di studi scientifici e storici, nel 1988, che hanno portato a comprendere meglio la situazione.

Sono stati resi pubblici i risultati delle indagini svolte dal Laboratorio Dendrocronologico di Losanna: il Rogolone è datato dal 1730 (ha perciò circa 285 anni), mentre il Rogolino è del 1820: di 90 anni più giovane.

Titolo: Rogolone
Autore: Anonimo
Soggetto: Astanti sotto la quercia
Data: Primi del Novecento
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Collezione Museo Etnografico e Naturalistico Val Sanagra

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui