ICOM_174. ICOMOGRAFIE: Curiosità. I cigni nel Lago di Como

 
iCOMOgrafie. Dal Ceresio al Lario

Tra anni Cinquanta e Sessanta l’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di Como [AAST] è un ente molto attivo e capace di occuparsi della promozione turistica della città capoluogo (anche in collaborazione con altri entri e associazioni simili della Provincia di Como). Gode di un finanziamento speciale: la “tassa di soggiorno”, che ogni turista versa in rapporto al numero dei pernottamenti. La tassa sarà poi sospesa, per essere ripresa intorno al 2013.

Il finanziamento diretto consente all’AAST di Como di preoccuparsi del mantenimento del decoro cittadino e di promuovere diverse manifestazioni culturali e sportive.

Il decoro di una città turistica com’è Como è faccenda delicata che l’AAST risolve con attenzione costante al verde cittadino (quotidianamente curato, anche in collaborazione con i giardinieri comunali), la posa in opera di grandi vasi ornamentali per fiori in moltissimi punti strategici (turistici) della città, la segnalazione dei monumenti.

Un notevole impegno (così riporta la rivista “Como” dell’inverno 1967), che “torna a vantaggio di tutti i paesi rivieraschi del lago, è costituito dal mantenimento, la sorveglianza e la cura verso le ormai numerose famigliole di cigni reali diffuse specialmente dove le acque si presentano pulite e cioè in Alto Lario”.

I cigni lariani sono stati introdotti nel luglio 1959, trasportandoli sul Lario dal Lago di Lugano: prima quattro esemplari (acclimatati al lido di Villa Olmo), poi altri dieci. Questi cigni sono però sempre stati piuttosto indisciplinati e, invece di offrirsi all’ammirazione dei turisti in città, hanno preferito spostarsi verso l’Alto Lario, esponendosi anche ai rischi del bracconaggio, sebbene protetti dall’occhio vigile dell’Ente Protezione Animali e persino dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza.

Titolo: Cigni sul Lario
Autore: Anonimo
Soggetto: Famiglia di cigni in navigazione presso Sala Comacina
Data: 1967
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui