ICOM_170. ICOMOGRAFIE: Infrastrutture. Tunnel “Monte Olimpino 2”

 
iCOMOgrafie. Una galleria ferroviaria in attività dal 1989

Il 19 giugno 1989 si svolge l’inaugurazione ufficiale del tunnel ferroviario “Monte Olimpino 2”, opera strategica – oggi come allora – nell’ambito dello scambio di merci sull’asse del Gottardo tra Europa centrale e meridionale.

Progettata fin dagli anni Settanta, la galleria viene infine costruita a partire dal 1982, con struttura monocanna, a due binari. L’infrastruttura – tecnicamente – si definisce come una variante di tracciato della storica ferrovia Milano-Chiasso, ed è creata per superare l’area della convalle comasca, aggirata a ovest in sotterranea. Questo espediente ha la duplice funzione di accorciare i tempi di percorrenza – evitando il traffico ferroviario passeggeri del nodo comasco – e di permettere ai lunghi e pesanti convogli merci di transitare in velocità senza dislivelli altimetrici di rilievo. Il tratto più critico della linea è, infatti, la rampa di Camerlata, posta immediatamente a sud della stazione di Como San Giovanni.

Il tunnel, tra 2008 e 2010, è interessato da ingenti lavori di risanamento (consolidamento e impermeabilizzazione, a seguito di danni causati dal progressivo innalzamento della falda freatica) che ne comportano la temporanea chiusura al traffico. Nell’ottica del futuro (e auspicabile) quadruplicamento, il sito si propone come luogo simbolico, in quanto – proprio dalla località Bernate Rosales – dovrebbe principiare il raddoppio della linea fino a Seregno.

Nell’immagine, scattata presso il “Bivio Rosales”, accanto al portale sud del tunnel, ripreso a pochi mesi dall'apertura al traffico, si riconosce la linea storica per Como, con un treno internazionale in transito e, sullo sfondo, la sagoma del costruendo termovalorizzatore cittadino.

Titolo: Bivio Rosales
Autore: Fulvio Quattroccolo
Soggetto: Portale sud del tunnel "Monte Olimpino 2"
Data: 18 febbraio 1990
Tipologia: Fotografia
Provenienza: www.intermodale24-rail.net

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui