ICOM_159. ICOMOGRAFIE: Storia. L'agricoltura nel Medioevo

 
iCOMOgrafie. Il ciclo di affreschi dell'abbazia di Piona

Per tutto l’alto Medioevo, più o meno fino all’anno Mille, il centro della vita economica è nelle campagne. La maggior parte della popolazione vive in villaggi circondati da campi, da cui trae i mezzi di sostentamento. È un mondo che appare fortemente segnato dalla tradizione, ma non irrimediabilmente immobile: i miglioramenti nella tecnologia degli strumenti di lavoro (soprattutto l’aratro) e nelle consuetudini di lavorazione producono – proprio sullo scorcio del millennio – significativi aumenti di produttività dei terreni, così che le persone possono accedere a cibo di quantità e qualità almeno un poco migliori. Si diffondono i mulini idraulici, che costituiscono un fondamentale motore di trasformazione.

La documentazione visiva di queste fasi di trasformazione, distribuite su un ampio arco di secoli, è comunque assai limitata, e affidata quasi esclusivamente ai cicli dei mesi: una serie di raffigurazioni che, seguendo il calendario, illustra tutte le occupazioni tradizionali; tra queste non manca mai, all’inizio dell’estate, in genere a giugno, la scena della mietitura.

In territorio lariano, il ciclo frammentario dell’abbazia di Piona conserva tra gli affreschi in migliore stato proprio due fasi dell’agricoltura: la mietitura a giugno e la battitura delle messi il mese seguente. Purtroppo, il dettaglio del disegno è incerto: si riconoscono il caratteristico cappello di paglia a larghe tese, e il falcetto ricurvo di medie dimensioni, così come le scarpe, persino troppo eleganti per un lavoratore della terra; mentre è molto approssimativo per ciò che riguarda il tipo dei cereali coltivati; è probabile però che non si tratti di grano, all’epoca poco diffuso, ma di una qualche specie più povera: avena, segale o miglio.

Titolo: La mietitura dei cereali
Autore: Anonimo
Soggetto: Scena di giugno del ciclo dei mesi
Data: Seconda metà XII secolo
Tipologia: Affresco
Provenienza: Piona. Chiostro del priorato

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui