ICOM_158. ICOMOGRAFIE: Lavoro. Antichi mestieri perduti

 
iCOMOgrafie. Cosa resiste di queste tradizionali attività?

L’artigiano è un mestiere antico che ha sempre cercato – per sopravvivere – di adeguarsi e di perfezionare il proprio lavoro. Le commesse, esigenti e precise, hanno imposto alle botteghe di trovare sempre nuove soluzioni. Molti mestieri non sono più d’attualità.

Tuttavia, la storia del lavoro intorno al Lario è ricca di ricordi legati ai mestieri tradizionali, oramai perduti. A San Nazzaro Val Cavargna era diffusa l’attività estrattiva del ferro (nella miniera di Bubegno) e quella fusoria oggi totalmente scomparse anche se – in Val Rezzo – si possono vedere nel bosco di Buggiolo due montanti del maglio del forno di fusione cinquecentesco. A Cavargna, nel Museo Etnografico, si trovano moderni e suggestivi allestimenti che mostrano gli antichi mestieri locali e le tecniche domestiche di tessitura e panificazione.

Oltre al contadino erano attivi l’alpigiano, il boscaiolo, il carbonaio (che produceva carbone di legna), il mugnaio. Una interessante Valle dei Mulini si trova a San Bartolomeo Val Cavargna, con l’antico ponte in pietra a schiena d’asino sul torrente Cuccio. Erano attivi molti fabbri e – forse il più noto tra i tanti mestieri – i magnani. La Val Cavargna era nota per questi lavoratori. In notevole numero si trasferivano stagionalmente in altre zone d’Italia e spesso anche all’estero. Esercitavano la professione di riparatori e stagnatori di padelle; caratteristico era il loro gergo, detto “rungin”, difficile dialetto – quasi una lingua - comprensibile solo agli appartenenti al gruppo e alle famiglie.

Non mancavano, in diverse località del Lario, le tessitrici di canapa e di lana. Un “quasi mestiere”, molto diffuso, ma illegale era il contrabbandiere. Praticato sin dall’antichità (trasporto di sale, spezie, preziosi, uomini e animali) s’è poi confermato come una risorsa insostituibile per l’intero territorio.

Titolo: Cava lariana
Autore: Carlo Lietti
Soggetto: Cavatori all'opera
Data: Anni Trenta
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui