ICOM_152. ICOMOGRAFIE: Lavoro. Falegnami, carpentieri, ebanisti

 
iCOMOgrafie. Tradizione e innovazione dell'artigianato locale

Carpentiere, falegname, ebanista e poi ancora carpentiere, montatore, costruttore. Tanti nomi a specificare epoche e lavorazioni susseguitesi nel tempo in numerosissime botteghe sparse intorno al Lario e presenti in tutti i paesi. Ma anche mestieri diversi per attitudini e specificità. Il carpentiere antico, costruttore di impalcature per l’edilizia e di coperture (ancora visibili le capriate romaniche in alcune chiese); il falegname, capace di realizzare mobili semplici con legni lasciati grezzi (per il popolo) e mobili di più raffinata fattura, con legni preziosi, lucidati e decorati con metalli, avori, lacche sono tappe di un’unica professione.

A tali specializzazioni, come riportano i documenti d’archivio e i manufatti conservati nei palazzi nobiliari di Como e anche di molti paesi del Lario, si aggiunge quella più specifica di ebanista: abile e raffinato realizzatore di mobili su progetto di artisti e architetti responsabili dei cantieri e della costruzione di chiese e palazzi.

Qualche esempio – di epoche differenti – si ritrova nei Musei Civici a Como, in quasi tutti gli edifici religiosi dei paesi (armadi per sacrestie, scanni di cori nei presbiteri, cornici per grandi tele, banchi e sedie), nei palazzi (Gallio a Gravedona), nelle ville (Pisani Dossi e Roncate a Como, Erba Visconti a Cernobbio, Carlotta e Sola Cabiati a Tremezzo, Vigoni a Menaggio, Melzi a Bellagio, Gaeta a San Siro, Camilla a Domaso) e negli alberghi (Villa d’Este a Cernobbio, Grand’Hotel di Tremezzo, Grand’Hotel di Menaggio, Serbelloni a Bellagio).

Mutati i sistemi costruttivi, anche il falegname delle botteghe lariane opera a contatto con i maestri più abili e più noti (come i Maestri della Valle d’Intelvi) che per tempi definiti lavorano fuori dai confini della provincia (a Roma, a Genova, a Napoli), ma soprattutto all’estero: Svezia, Russia, Austria, Francia e anche nelle Americhe.

Titolo: Laboratorio di Antonio Cappellini
Autore: Gianni Paini
Soggetto: Interno di azienda mobiliera canturina
Data: 1965-1970
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui