ICOM_127. ICOMOGRAFIE: Personaggi. Il Neri e la Gianna: eroi discussi

 

iCOMOgrafie. Una vicenda che ancora appassiona

Luigi Canali nasce a Como nel 1912; è apprendista contabile, impiegato, ragioniere e studente universitario. Nel 1935 è al fronte etiope come sergente del Genio militare. Torna a Como nel 1938; lavora alla “Comacina”; nel 1940 è al fronte russo col grado di capitano del Genio e rientra a Como nel settembre del 1943. Si sposa e ha una figlia.

È comunista. Partecipa all’organizzazione della Resistenza e con altri partigiani fonda la 52a Brigata Garibaldi, attiva nelle operazioni d’attacco ai fascisti e nei giorni della Liberazione. Rispettato e di gran coraggio, coordinatore e stratega, il Capitano Neri assume diverse responsabilità nelle formazioni partigiane. Il Comando garibaldino gli affianca (settembre 1944) Giuseppina TuissiGianna”, staffetta di collegamento.

Nel gennaio del 1945 Neri e Gianna sono arrestati dai fascisti e incarcerati, interrogati, torturati. Il Neri riesce incredibilmente a fuggire; la Gianna è poi rilasciata. Si fa circolare la voce di un tradimento (mai confermato), ma un mese dopo, a febbraio, il Tribunale del popolo condanna a morte – in contumacia – Neri e Gianna, che tuttavia riprendono il loro posto nella Resistenza. Tra i due nasce una relazione.

Sono presenti a Dongo (Gianna stende l’elenco dei beni conosciuti come “Oro di Dongo”; Neri è alla fucilazione di Mussolini); firma la consegna (alla Federazione comunista di Como) dei beni inventariati; si oppone al progetto di far scomparire il camion che li trasporta.

È a Como la sera del 6 maggio; esce da casa e non vi fa più ritorno. Gianna (con la sorella del Neri, Alice) lo cerca invano, indaga per un mese. Il 23 giugno sparisce. Si suppone uccisa a Pizzo di Cernobbio; il corpo buttato nel lago. Mai ritrovato.

Titolo: Ordine di servizio per la partigiana Gianna
Autore: 52a Brigata Garibaldi
Soggetto: Ordine scritto firmato dal Neri, con notazione in calce della Gianna, di recarsi a Musso per il recupero dei bagagli dei prigionieri fascisti
Data: 28 aprile 1945
Tipologia: Documento
Provenienza: Archivio privato

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui