ICOM_122. ICOMOGRAFIE: Spettacolo. Il Cinema Gloria

 

iCOMOgrafie. Cinema moderno inaugurato nel 1948: luogo aperto alla città e alle iniziative culturali

Rebbio (fino al 1937 Comune autonomo) dopo l’annessione a Como è investito da un intenso sviluppo edilizio che il Piano Regolatore del 1937 cerca di disciplinare.
Nel 1938, Giuseppe Terragni e Alberto Sartoris progettano un grande quartiere satellite disegnato intorno al nucleo dei servizi sociali. Il progetto non sarà mai realizzato. Sul finire degli anni Quaranta c’è ancora molto spazio libero e – al centro – un’area quadrata, a metà della via Varesina, che attira l’attenzione di Giovanni Corino.  L’imprenditore trova il luogo adatto per costruirvi un cinema-teatro all’avanguardia.

Martedì 23 novembre 1948, su “La Provincia”, compare un annuncio: al “Cinema Gloria venerdì 26 serata inaugurale ore 21. Sabato dalle ore 15: Il Signore dell’Arizona. In Technicolor”. Alla serata partecipano autorità locali, imprenditori e personaggi della distribuzione cinematografica lombarda. Il film è un successo.
Fino al 1959 la gestione del cinema è condotta da Giovanni Corino che la passa alla Tec (la Società Teatri e Cinema, poi a Luigi De Pedis, contemporaneamente gestore della programmazione cinematografica del Sociale, dell’Astoria e dell’Odeon). Nel 1962 ritorna a Corino, che mantiene il Gloria con le caratteristiche di locale per il cinema familiare.

Per una decina d’anni il cinema Gloria è anche teatro. D’avanspettacolo o, più propriamente, di rivista, ma senza troppo successo di pubblico (che preferisce sempre il Politeama). Non mancano i concerti: di musica classica e qualche grande spettacolo per il pubblico giovane. Nel 1977 iniziano I Lunedì del Cinema.
Il cinema è la passione di Giovanni Corino [1915-1983] poi del figlio Massimo e del nipote Giovanni, che ne continua l’attività (come Circolo Arci Xanadù dal 2005) cercando una nuova strada tra le multisale della zona.

Titolo: Panorama di Rebbio
Autore: Anonimo
Soggetto: Rebbio. L'area del futuro cinema Gloria
Data: 1930 circa
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Como. Archivio NodoLibri

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui