ICOM_094. ICOMOGRAFIE: Storia. Il Medeghino sul Lario

 

iCOMOgrafie. Il Castello di Musso come sua fortezza irraggiungibile

Il Medeghino muore l'8 novembre 1556, lasciando senza eredi il titolo di marchese, il patrimonio e il castello di Melegnano. Il castello è diventato, nel 1532, l’ultima dimora ufficiale di un personaggio inquieto, arrogante, politicamente scorretto, comandante mercenario e pirata lacustre, guerriero coraggioso di terra e di acqua, ma non valoroso, perché è maggiormente con l’inganno, la crudeltà e con il sopruso che ottiene le vittorie dalla Brianza al lecchese, dall’Alto Lario fino a Chiavenna e Morbegno.

Il nome di Gian Giacomo Medici (nato a Milano nel 1495 da Bernardo e Cecilia Serbelloni), detto il Medeghino (forse piccolo Medici al confronto dei “grandi” di Firenze), è noto e passato alla storia come quello di un condottiero senza scrupoli, che per interesse (e per assicurare vantaggi alla famiglia) non teme di opprimere le popolazioni assegnategli, di ignorare le leggi e di tessere e disfare le alleanze. È uomo d’azione e mai di parola. Non è affidabile.

Per un decennio (dal 1522 al 1532) signoreggia nei territori di Musso, zona delle Tre Pievi in Alto Lario; eppure ottiene, dopo sei anni di scorrerie, una regolare concessione di terre attorno al lago di Como: è il 15 aprile 1528. Risiede nel Castello a Musso: fortezza irraggiungibile; ora distrutto.
Sul lago di Como e sul ramo di Lecco sottomette paesi e valli; impone tasse e ruba quel che gli serve. Mantiene – al soldo – mercenari pronti a tutto. Capitano espertissimo e stratega geniale in terra e in acqua, arma una flotta lariana divenuta mitica.

Al culmine della carriera, dopo aver servito l’imperatore Carlo V e ottenutone il perdono, il Medeghino muore; ha funerali solenni e uno splendido monumento funebre nel Duomo di Milano (opera di Leone Leoni). Aveva sessant’anni anni e – probabilmente – è stato avvelenato.

Titolo: Castello di Musso sul Lago di Como
Autori: Genzana, Goria
Soggetto: Musso, le cave, la chiesa di Sant'Eufemia e il Castello
Data: 1865
Tipologia: Xilografia
Provenienza: “L’Emporio Pittoresco”

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui