ICOM_080. ICOMOGRAFIE: Stagioni. Primavera sul Lario

 

iCOMOgrafie. Alla ricerca di luce, tepore, svago

Stagione di rinascita. Dopo il freddo e il gelo dell'inverno, la Primavera porta luce e speranza di novità. Como, il Lario e la Brianza sono belli anche visti al gelo di gennaio e febbraio, ma solo per chi ne conosce le parti nascoste e per chi pratica l'abitudine di passeggiare su sentieri duri e freddi. Il turista ama i colori più brillanti e magari caldi.

La Primavera lariana si offre ogni volta a nuovi sguardi e intense esperienze. Capita anche – più o meno – intorno alla Pasqua (bassa o alta, seguendo il calendario liturgico, basato a sua volta sul ciclo lunare) e pochi giorni prima dell'ora legale (ultima domenica di marzo). 

In Primavera – dunque – arrivano i turisti: aprono tutti gli alberghi, i ristoranti cambiano il menu (dalle carni scure con polenta e verze ai magari fritti al pesce alle verdure...); la vita sociale si trasforma con l'uscita dalle case. Riprende la vita nei cortili. I bar allestiscono i tavolini nelle piazze. La Navigazione cambia l'orario. I barcaioli ricominciano il servizio di collegamento. Le aiuole rinascono sempre più ricche di essenze e colori.

Tale è l’immagine che suggerisce Gin Binaghi [1880-1976] in un acquerello dei primi anni Trenta pubblicato su una brochure turistica. Curiosamente, il pittore che solitamente preferiva toni seppia, qui usa una tavolozza ampia, allegra, colorata. Primaverile, appunto.

È un’immagine che vuole essere “turistica” ma che è anche delicata, poetica, allusiva. Non è neanche l’inquadratura solita, ma fissa il promontorio di Bellagio e, sullo sfondo, Varenna e Bellano. Gin Binaghi, gran montanaro, camminatore deciso, s’è portato fin sotto il San Primo per catturare l’atmosfera di Primavera tra fiori bianchi e rosa di peschi e ciliegi. Turistico, ma non banale e anche indicazione di un percorso non convenzionale né allora né oggi, ma piacevole e facile.

Titolo: Primavera
Autore: Luigi (Gin) Binaghi
Soggetto: Il ramo orientale del Lario
Data: 1930 circa
Tipologia: Acquerello
Provenienza: Archivio Nodo

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui