ICOM_073. ICOMOGRAFIE: Luoghi. Cremia e i campanili

 

iCOMOgrafie. La chiesa di Cremia: un punto tra i più belli del Lario

Cremia è paese antico; posto in località strategica per il controllo del Lario. Un castello (di cui s’è perduta traccia) ne garantiva la sicurezza. Il paese è già abitato in epoca romana e si sviluppa con numerose frazioni lungo le pendici del monte Bregagno, giungendo fino alla riva del lago. Qui, nella frazione di San Vito, in parte nascosta dall’abitato e affiancata dalla massiccia ciminiera di una filanda ottocentesca, sorge la vecchia parrocchiale dedicata ai santi Vito e Modesto.

Il complesso è caratterizzato dalla presenza di due campanili: il più piccolo risale all’XI secolo, mentre il più imponente è aggiunto tra il XVI e il XVII secolo. Due campanili (sopravvissuti ai sempre numerosi rimaneggiamenti subiti dagli edifici ecclesiastici) sono una rarità (si possono ricordare solamente quelli visibilissimi di Sant’Abbondio a Como) e testimoniano solamente le modalità costruttive del medioevo: durante il periodo si poteva sostituire, distruggere, cambiare o affiancare parti di chiese, edifici di servizio o – appunto – anche campanili.

La chiesa, quasi certamente una delle più antiche del lago, ha dunque subìto – nel corso del tempo – numerosi rimaneggiamenti per quanto riguarda la parte architettonica e si è arricchita di pale, tele e affreschi, soprattutto nel periodo rinascimentale. Al suo interno sono presenti, tra gli altri, una Madonna in trono col bambino del primo Cinquecento, che alcuni attribuiscono al Bergognone, una Madonna in trono fra i santi Sebastiano e Rocco (1499), affresco di Battista da Musso, e una Crocefissione (1540), pala di Pietro Martire della Torre di Rezzonico.

La prospiciente riva è tra le più frequentate del Lario dagli amanti della vela e degli sport acquatici; tali attività rendono il luogo tra i più vivaci durante il periodo estivo.

Titolo: Cremia. Santi Vito e Modesto
Autore: Anonimo
Soggetto: La riva e la chiesa a Cremia
Data: 1900 circa
Tipologia: Cartolina
Provenienza: Archivio Nodo

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui