ICOM_059. ICOMOGRAFIE: Carnevale. Quello colorato di Schignano


iCOMOgrafie. A Schignano: Carnevale e verità; poi tutto finisce in cenere

A Schignano la storia che si rappresenta tra strade e case è nota, ma la multicolore coreografia fra le luci e le ombre dell’ultimo giorno di Carnevale è sembrata agli studiosi complessa. Nessuno ha azzardato spiegazioni, se non rintracciando qualche segno nello spazio ambiguo e perverso del “mondo alla rovescia”. Quel che vediamo oggi, nella lunga messinscena (quasi ventiquattro ore filate divise in tempi e quadri) è una narrazione in lenta, ma continua (e forse inesorabile) trasformazione.

La traccia originale resiste (il Carlisèpp che finisce abbrustolito) e i personaggi stanno nella loro parte, ma i significati originali si sono persi nella notte dei tempi (o insieme alle faville del rogo liberatorio un attimo prima che la Quaresima cominci). La scena è la piazza. La porta della chiesa è chiusa e non si apre per tutta la giornata. Qualche immagine sacra – dalle pareti delle case – spazia con lo sguardo trattenendosi – così parrebbe – da commenti che risulterebbero inopportuni.

Il Carnevale di Schignano è una festa laica, di popolo, trasgressiva, ambigua e violenta, anche molto colorata ed eccessiva, che si manifesta attraverso l’esagerazione: nella struttura drammaturgica e nei personaggi che animano la scena ripetendo (di anno in anno) identici percorsi che fissano (nel vuoto) i punti dell’azione e stabiliscono il livello di coinvolgimento dello spettatore.

Il rapporto tra “maschere attori” e “luogo deputato” è di estrema importanza:  siamo in un teatro di strada senza scenografie. Il paese è il palcoscenico; le strade non hanno addobbi o scritte.
Sono le maschere (che bofonchiano e – infine – urlano) a usare qualche carriola o biciclette trasformate, furgoncini, casse di cartone. Tutto qui. Ma è necessario un lavoro di settimane per poi esplodere in poche ore di colori, di gesti, di suoni. Anche con un pizzico di verità e di sincerità che la maschera schignanese cela, ma non del tutto.

Titolo: Maschere a Milano
Autore: Ignoto
Soggetto: Maschere di Schignano sfilano a Milano
Data: 1930
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Como. Archivio Nodo

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui