ICOM_054. ICOMOGRAFIE: Carnevale. Un giovedì, ma grasso


iCOMOgrafie. Col Mago Zurlì al Carnevale dei bambini al “Lucernetta”

Il Carnevale è più lavoro di preparativi che sostanza; per un mese di prove tutto svanisce in un pomeriggio (per i ragazzi) e in una serata per gli adulti. Il Carnevale è una festa in quattro tempi: il Giovedì grasso è il prologo (e giornata di vacanza da scuola). Si tratta in realtà di un mezzo imbroglio perché – fino ai primi anni Sessanta – di giovedì la scuola elementare è chiusa; così il piacere di riversarsi nella piazza e per le strade, a lanciarsi coriandoli, non gode dell’eccezionalità del giorno della festa.

Compaiono i primi “bastoni” di plastica, nodosi, a forma di clava, con i quali i ragazzetti pestano la testa di amici-nemici e soprattutto delle bambine. Gli adulti criticano molto, anzi proibiscono, quelle manifestazioni di violenza. Borotalco, schiume e attrezzature sintetiche sarebbero comparse ben dopo, anche queste frutto di un cambiamento dei costumi (non in senso carnevalesco) e dei materiali.

Da gennaio, ogni giovedì, La Lucernetta (cinema teatro di Como, esclusivamente dei ragazzi) organizza dai primi anni Cinquanta (per un trentennio e per diverse puntate ogni anno) il Carnevale dei ragazzi condotto da Claudio Molteni. Concorrono singole classi e interi plessi scolastici; partecipano una giuria di esperti e una piccola orchestra. Il gioco è organizzato da un numeroso gruppo di giovani.

È una gara tra le scuole elementari del territorio (un incrocio tra Lascia e raddoppia e Campanile sera; infatti s’intitola Campanile scuola) che riempie all’inverosimile il piccolo teatro. Ci sono competizioni canore e, il Giovedì grasso, anche delle mascherine. Poi il gran finale al Teatro Politeama, noleggiato per l’occasione, con ospiti illustri come Mago Zurlì (ovvero Cino Tortorella) e Febo Conti, resi celebri dalla neonata televisione.

Titolo: Como. Cinema teatro La Lucernetta
Autore: Ignoto
Soggetto: Interno de La Lucernetta
Data: 1960
Tipologia: Fotografia
Provenienza: Como. Archivio Nodo

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui