ICOM_010. ICOMOGRAFIE: Gravedona. Spiritello cattivello

 

iCOMOgrafie. Gravedona. In Santa Maria delle Grazie, tra mille scene, un affresco fissa il Diavolo all’opera

La Madonna del cifulètt del cunvent è titolo inconsueto per un affresco di chiesa, ma rivela l’attaccamento dei gravedonesi ad uno dei mille dipinti di quella località dell’Alto Lario. È nella chiesa di Santa Maria delle Grazie; l’autore non è certo, ma individuabile nella cerchia d’artisti (i De Donati, i De Magistris…) operanti in quella chiesa e nel territorio dell’Alto Lario.

Si vedono la Madonna con il Figlio sulle ginocchia; due angioletti musicanti (tamburello e triangolo sono il pulsare, il ritmo, l’allegria della vita) allietano la scena che dovrebbe essere drammatica per la presenza del Diavolo. Tuttavia, benché cerchi di arpionare un fanciullino che si protegge col “manto celeste”, il Diavolo non ha espressione di gran cattiveria. Anzi, a guardarlo bene, si capisce il soprannome: “cifulètt” (persona di poco conto, sciocco) insomma “ciffolo!”. Il poveretto si dà da fare, senza riuscire a carpire l’anima candida del piccolo, più sorpreso che terrorizzato. La Madonna, del resto, ha pronta reazione (umana) e sta per bacchettarlo vigorosamente con una verga.

Poco rispettoso delle forze maligne, il popolo s’è divertito a usare l’immagine per impaurire i bambini (una specie di Babau) e a vedere nel pallido demonio (anche un po’ spelacchiato) un richiamo non solo al generico “male”, ma anche allo specifico delle malattie veneree (notare la copertura del “sesso” luciferino in forma di mostro sul mostro…).
Tutta la scena sta nella cavità della conchiglia (simbolo di fertilità, rigenerazione, risurrezione) cui sta appeso l’uovo della rinascita e della purezza (anche se la perfezione è attaccata a un filo).

Meno credibile è l’ipotesi che l’affresco voglia significare e affermare il valore della dottrina cattolica conto il nascente protestantesimo. Non datato, ma riferibile agli anni dal 1510 al 1530, il dipinto non potrebbe cogliere lo spirito della Riforma avviata da Lutero nel 1517 e ancora lontana dalle terre italiche.

Titolo: Madonna del cifulètt del cunvent
Autore: Non identificato
Soggetto: Madonna con angeli e Diavolo
Data: 1510 ante-1530/1531
Tipologia: Affresco
Provenienza. Gravedona. Santa Maria delle Grazie 

Per altre schede, torna alla sezione "iCOMOgrafie": clicca qui