Saronno. Visita al Paradiso di Gaudenzio

Terminati i restauri al Santuario di Saronno. Fino al 14 dicembre si possono ammirare da vicino i dipinti di Gaudenzio Ferrari

Gaudenzio Ferrari (1475 – 1546) aveva iniziato il suo apprendistato artistico a Varallo dipingendo alcuni angeli musicanti; a Saronno – tre decenni dopo nel 1534-36 – utilizzò lo stesso soggetto. Nel Santuario saronnese della Beata Vergine dei Miracoli, tuttavia, ebbe a disposizione uno spazio enorme e poté dare consistenza e forma a ben altre schiere angeliche e ad un’intera e complessa orchestra in un tripudio di suoni e di canti. Spettacolare momento di gioia celeste mentre il Paradiso accoglie la Vergine.

Cento e ventisei angeli con quasi sessanta strumenti e statue lignee e colori che il tempo e gli sbalzi climatici avevano rovinato, ma che oggi sono ritornati a risplendere e possono essere visti da vicino.

Fino al 14 dicembre, difatti, l’accesso alla cupola è consentito anche al pubblico (che utilizza i ponteggi dei restauratori). Per accedere è necessario prenotare al numero 02.9603027 oppure scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L’ingresso (ovvero la salita) è libero, ma sono gradite offerte (anche congrue e detraibili) perché i restauri sono stati lunghi, complessi e costosi.

Altre info su www.santuariodisaronno.it

 

In un paese di poco più di un migliaio di persone il campo sportivo parrocchiale è il vero centro delle attività ricreative: attorno a questo rettangolo diverse generazioni hanno vissuto la propria infanzia e la loro adolescenza. Il Palio delle Frazioni racchiude in sé un pezzo della storia di Nesso e di ogni nessese.

 

Una ricognizione nelle vite della gente comune del Regno Lombardo-Veneto tra 1818 e 1862, basata sui verbali dei processi inquisitori, custoditi presso l’Archivio di Stato di Como. Storie tanto lontane nel tempo, ma che appaiono ancor oggi molto vicine.

 

Ricco corredo iconografico; rigore scientifico e alta leggibilità. L'intera vicenda del Teatro comasco: architettura, artisti, spettacoli. Una storia lunga due secoli.