Morbegno. Catafalco barocco

 

Il Catafalco barocco di Morbegno grande opera che richiama centinaia di fedeli

Delle numerose tradizioni testimoniate per la Settimana Santa morbegnese è sopravvissuta la costruzione del grandioso catafalco ligneo al centro della chiesa. Documentato per la prima volta nel 1737, forse realizzato su disegno di Pietro Ligari, il catafalco si presenta come un tempietto che si erge da un'alta piattaforma ottagonale, a cui si accede per mezzo di quattro ampie scalinate, con balaustre che accentuano l'effetto scenografico dell'insieme. Quattro coppie di colonne, disposte in diagonale rispetto agli scaloni, poggiano su quattro basamenti dai profili a volute, e sono collegate tra di loro da quattro pendoni arcuati, con medaglioni al centro che riportano citazioni bibliche riferite alla Passione di Cristo. Dagli architravi si elevano quattro falde dall'andamento curvilineo concavo e convesso, che si concludono con un capolino sormontato da una nuda croce, dalle cui braccia pende il sudario.

[ continua a leggere ]

In un paese di poco più di un migliaio di persone il campo sportivo parrocchiale è il vero centro delle attività ricreative: attorno a questo rettangolo diverse generazioni hanno vissuto la propria infanzia e la loro adolescenza. Il Palio delle Frazioni racchiude in sé un pezzo della storia di Nesso e di ogni nessese.

 

Una ricognizione nelle vite della gente comune del Regno Lombardo-Veneto tra 1818 e 1862, basata sui verbali dei processi inquisitori, custoditi presso l’Archivio di Stato di Como. Storie tanto lontane nel tempo, ma che appaiono ancor oggi molto vicine.

 

Ricco corredo iconografico; rigore scientifico e alta leggibilità. L'intera vicenda del Teatro comasco: architettura, artisti, spettacoli. Una storia lunga due secoli.